energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

La raccomandazione Rubriche

Terzo incontro, quasi sei mesi dopo. Murolo gli aveva telefonato chiedendogli di incontrarlo, perché doveva dirgli una cosa importante: ma questa volta gli chiese che preferiva vederlo in un bar di via Piagentina, noto per avere sul retro una saletta molto discreta.
Si erano appena seduti che il poliziotto aveva esordito: "Sei tu che ti occupi al giornale dell'omicidio di Manola Sottili, vero?"
Lui, cerca ora di ricordare, rimase sorpreso da quel non concordato passaggio dal "lei" al "tu". "Certo. Un caso che all'inizio sembrava facile facile e che ora s'è irrimediabilmente arenato…"
Manola, moglie del noto ed anziano avvocato Sottili, era stata trovata morta, strangolata, nella camera da letto della villa del marito, in via Bolognese. Il primo ad essere sospettato fu Giacomo Cacciatore, notoriamente amante da diversi mesi della piacente e ancor giovane donna. Un fatto di sangue, insomma, di quelli che sembrano chiudersi – per la polizia e i giornali – prima ancora di essere stati aperti.
Giunti allargo le braccia e prosegui: "… purtroppo per noi giornalisti, il Cacciatore è stato tolto dall'elenco dei sospettati per l'alibi solido che s'è costruito con un paio di testimonianze ritenute affidabili… almeno per voi della polizia …"
"Mica tanto affidabili" disse Murolo "ci sono persone importanti che sono ricattabili e sono pronte a testimoniare il falso. Una di loro lo ha fatto, lo so per sicuro. Ora ti do alcuni elementi… un nome e un indirizzo… che ti saranno utili. Ma non dire mai che te l'ho dati io…"
Da quel momento, ricorda ora Giunti, l'indagine ebbe una svolta, che lo stesso questore definì clamorosa. Certo che lui ci aveva messo il fiuto infallibile del cronista di razza; e, via via che stava pubblicando, ebbe anche un paio di buone intuizioni. Ma l'aiuto dell'amico poliziotto era stato decisivo per arrivare alla soluzione del caso. Un vero successo per lui. Aveva ricevuto sinceri e reiterati elogi sia dal direttore sia dal commissario che allora aveva condotto le indagini….. Il racconto continua, domenica 27 la quarta puntata.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »