energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

La Rivoluzione può essere tenerezza? Quando guarda all’uomo sì Opinion leader

Firenze – “Nuestra revolución pasa por la ternura, por la alegría que se hace siempre projimidad, que se hace…” “La nostra rivoluzione passa attraverso la tenerezza, attraverso la gioia che diventa sempre prossimità, che si fa sempre compassione, (che è “soffrire con” per liberare) e ci porta a coinvolgerci, per servire, nella vita degli altri”. La frase pronunciata da Papa Francesco a Cuba ricorda da vicino l’espressione di Che Guevara “rivoluzionari senza perdere la tenerezza”.

Nelle parole di Papa Francesco c’è questo splendido concetto di tenerezza gioia che diventa sempre prossimità, che si fa sempre compassione, ovvero “soffrire con” per liberare che ricorda quell’assimilazione di rivoluzione e tenerezza fatta da Che Guevara cinquant’anni fa e che mi colpì molto in bocca a un guerrillero.E per di più ad un marxista ma certo il Che era un marxista su cui Lenin avrebbe avuto molto da ridire.

All’epoca mi colpì soprattutto il fatto del tutto insolito allora come oggi , che avesse abbandonato il potere per gettarsi in una nuova avventura e non per dirigerla dal ponte di comando ma sul campo, rischiando di persona. Don Chisciotte invece del nuovo Principe .

E’ la stessa cosa che colpisce i giovani che vanno ai concerti portando sulla maglietta un’effigie stilizzata di cui sanno poco. Ma quando ho chiesto ad alcuni cosa conoscono di lui mi è stato risposto “ è uno che è morto per aiutare i poveri e gli oppressi ”. Ed è la risposta più bella.

Il nuovo Don Chisciotte non era un ingenuo ;sapeva che i mulini a vento non sia affrontano lancia in resta. Per vincere occorre occorre sagacia diplomatica e una buona dose di machiavellismo. Forse poteva giocare le sue carte in altro modo; ma lui non era un leader politico: era Ernesto Che Guevara, il sogno del riscatto per milioni di campesinos, di giustizia per i desparecidos ,per le vittime dei torturatori . Era il simbolo della lotta contro la fame, la disperazione. E allora Hasta siempre , Comandante!

 

Print Friendly, PDF & Email

Translate »