energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Acqua: la siccità non chiude i rubinetti, ma le aziende invitano al risparmio Cronaca

La siccità non chiude i rubinetti in Toscana. Anzi. «Nonostante ci si trovi di fronte al fenomeno più duro degli ultimi 60 anni – ha detto Erasmo D’Angelis, presidente di Publiacqua –  con Bilancino e Montedoglio alla metà della loro capienza e le risorse locali a secco da mesi, al rubinetto arriva l'acqua a tutti, grazie alle infrastrutture ed agli investimenti realizzati negli ultimi dieci anni» .
Investimenti che hanno portato la bolletta dei toscani dai circa 200 euro di dieci anni fa agli attuali 240 euro di oggi. «Una bolletta con cui i cittadini non pagano la materia prima –  ha spiegato D’Angelis – perché l’acqua è gratuita, ma investimenti e depurazione. Sull’acqua non si fanno profitti, ma solo investimenti». L‘acqua di rubinetto è preferita ormai da ben il 48% dei toscani, un trend di crescita che balza in avanti del 2 % in anno in anno. Un dato positivo con cui le aziende toscane dell’acqua, che hanno incontrato stamattina la stampa per fare il punto sul consumo d’acqua in regione, si preparano a celebrare, domani, la Giornata Mondiale dell’acqua.

Non c’è allarme né rischio razionamento, almeno non per le città e non per il momento, ma le aziende che riforniscono acqua depurata in tutta la regione invitano al risparmio. Un appello rivolto non tanto alle famiglie quanto ai “grandi” consumatori, ovvero agricoltura e industria. «Già dallo scorso novembre siamo in emergenza in alcune zone collinari e montane non allacciate ad acquedotti, ma che utilizzano pozzi ormai a secco – ha specificato Angelis – Da qui all’inizio dell’estate la parola d’ordine è risparmio. Se poi la situazione continua così faremo nuovamente il punto della situazione insieme alla Regione». «Ci troviamo di fronte a questo paradosso – ha dichiarato poi Alfredo De Girolamo, presidente Confservizi Cispel Toscana – Da un lato c’è grande incertezza per gli investimenti, bloccati in attesa della definizione della nuova tariffa alla quale da poche settimane l’Autorità per l’Energia e il gas ha posto mano, dall’altro la qualità dell’acqua è eccellente, come dimostra il fatto che sempre più cittadini la preferiscono a quella minerale».

Gli investimenti servirebbero soprattutto a rimodernare una rete obsoleta, che causa perdite in torno al 18% ogni anno. Una media molto inferiore a quella nazionale del 42%, ma che rappresenta pur sempre uno spreco in tempi di appello al risparmio. «La crescita del consumo di acqua di rubinetto – ha detto ancora il presidente di Confservizi Cispel Toscana – è avvenuta anche grazie all’istallazione di quasi 200 fontanelli disseminati in tutta la Toscana». In tutta la regione sono 99 i fontanelli che erogano acqua di elevata qualità, qualcuno anche acqua raffreddata e gasata, oltre ai fontanelli da interno e alle case dell’acqua. Questi fontanelli hanno erogato nel 2011 oltre 70 milioni di litri di acqua che hanno fatto risparmiare 33 milioni di bottiglie di plastica e in totale 63 milioni di euro dalle tasche dei toscani. Il costo per realizzali è stato di 1,4 milioni di euro. «Un bel risultato che le aziende hanno raggiunto negli ultimi due anni di lavoro. Fino al 2008 i fontanelli di alta qualità in Toscana erano solo due, "adesso grazie ad un impegno straordinario delle aziende in termini di investimenti e di progettazione, è stato raggiunto un traguardo ambientale importante – ha detto Giuseppe Sardu, coordinatore delle aziende del servizio idrico di Confservizi Cispel Toscana  – anche grazie alle massicce campagne di comunicazione fatte dalle aziende di gestione del servizio idrico e all’installazione dei fontanelli questa percentuale è cresciuta in maniera esponenziale».

«Il successo dei 32 fontanelli di Publiacqua è andato oltre le aspettative – ha aggiunto infine D’Angelis –  con numeri in crescendo e con ogni fontanello che ogni mese registra un’erogazione di acqua gratuita, naturale e anche gassata in media tra gli 80 e 100mila litri. Da qui a fine 2012 raggiungeremo i 50 fontanelli installati su tutto il territorio».

 

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »