energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

La Sinistra propone un pacchetto di misure per l’emergenza casa Breaking news, Cronaca

Firenze – Casa, emergenza mai finita, che rischia di allargarsi, come ripetuto tante volte in queste pagine, a macchia d’olio sotto i colpi di maglio del coronavirus e della conseguente crisi economica. “La sinistra in città – spiegano i consiglieri comunali di Sinistra Progetto Comune Dmitrij Palagi e Antonella Bundu insieme alla responsabile nazionale casa di Rifondazione Comunista Monica Sgherri ed a Francesco Torrigiani e Massimo Torelli di Firenze Città Aperta – si è sempre occupata di emergenza abitativa. La necessità di un nuovo piano di edilizia residenziale pubblica è una richiesta storica, condivisa, a livello nazionale e locale, da tante associazioni e realtà organizzate.

Il Governo nazionale ha prorogato l’esecuzione degli sfratti fino a settembre, sbloccando i fondi previsti per i contributi agli affitti, arrivati a Firenze tramite un primo bando legato a chi ha subito una diminuzione di reddito per l’emergenza Covid-19. Se nel breve periodo si è trattato di una risposta necessaria, ora occorrono interventi strutturali”.

Sul tema, una mozione è stata depositata questa mattina dai consiglieri comunali Palagi-Bundu che contiene alcune proposte concrete.

Al primo punto si trova la richiesta, che potrebbe partire dal consiglio comunale di Firenze, rivolta al Parlamento e al governo nazionale, “di prorogare almeno fino a giugno 2021 il blocco degli sfratti per morosità incolpevole; al secondo, la richiesta a Governo e Regione di aumentare le risorse e semplificare le procedure per i bandi di sostegno all’affitto, visto il triplicarsi e quadruplicarsi del bisogno abitativo rispetto agli anni passati; la richiesta rivolta agli enti locali di un primo elenco di patrimonio immobiliare dismesso e riutilizzabile a fine abitativo, per rilanciare l’edilizia residenziale senza ulteriore consumo di suolo; la richiesta volta al Comune di Firenze di raccogliere tutte le informazioni necessarie per un costante monitoraggio dell’esigenza abitativa del nostro territorio, con puntuali momenti di informazione rivolti alle commissioni consiliare e al Consiglio comunale”.

“Quello di cui siamo certi è che non c’è tempo da perdere. Al momento – concludono Palagi, Bundu, Sgherri, Torrigiani e Torelli – non ci sono risposte adeguate per impedire che nei prossimi mesi esploda una già pesante situazione abitativa per chi vive in affitto. Non si potrà tornare come prima, andranno anche ripensati i canoni, ancora legati a un contesto precedente alla pandemia. Il diritto all’abitare è essenziale, deve essere rilanciato e difeso. Questo è il nostro impegno, che proponiamo a tutto il Consiglio comunale di Firenze”.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »