energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

La Toscana in bicicletta, domenica di passione e pedali Cronaca, Turismo

Firenze  – La Toscana decide di puntare sulla bicicletta, in nome della mobilità sostenibile della salute e perché no, anche del turismo. Oggi, domenica venti settembre, giornata dunque dell’amata due ruote per grandi e piccini. Il popolo della bicicletta si è alzato presto stamani per animare la pedalata del Tirreno e dell’Arno organizzata dalla Regione, dall’Anci, dalla Federazione Italiana degli amici della bicicletta Fiab, dal quotidiano “Il Tirreno” e da Uisp e che ha visto anche la collaborazione di Trenitalia.

Grandi e piccini, biciclette di tutti i tipi, alcune col navigatore sul manubrio, dalla costa giungono pedalando, da Firenze ed Arezzo “sbarcano” dal treno, ognuno seguendo il programma della propria zona ma sempre numerosi. 
Ed ecco i gruppi: da Marina di Massa sono partiti attorno alle otto, direzione Pisa San Rossore, mentre alle 10 si è messo in moto da Arezzo il treno speciale organizzato dalla Regione e da Trenitalia. La sosta intermedia è stata alle 11 a Firenze Rovezzano dove in più di settanta, bici al seguito, sono saliti sul convoglio dopo aver attraversato uno scampolo di città:
short, magliettina bianca in ricordo dalla giornata, caschetto per i più piccoli e qualche bandana. Da Empoli è partito un secondo gruppo, più piccolo. Sono arrivati attorno alle 12.15 a Pisa, con venti minuti di anticipo, e poi di nuovo in bicicletta. In centosettanta sono attesi al Parco di San Rossore, dove si parlerà di mobilità e turismo sostenibile.
Un’altra trentina di appassionati delle due ruote parteciperà ad un percorso di trenta chilometri, andata e ritorno, tra Incisa, Figline e San Giovanni Valdarno. Ottanta o novanta si daranno appuntamento alla pineta di Rimigliano vicino a San Vincenzo. Altrettanti sono partiti stamani da Capalbio e Castiglione della Pescaia per raggiungere la tenuta regionale di Alberese e poi Baratti.

E a proposito di ruote nel vento e di pedali, sempre la Toscana scommette sul turismo in bicicletta;  un po’ come accade lungo la Mosella e il Danubio, come succede anche sull’Inn in Austria e ai bordi del Mare del Nord, nei prati ricamati dai tulipani dei Paesi Bassi o sul Po nell’italiana pianura padana. Del resto, sono quasi 26 milioni i turisti nel mondo che si muovono ogni anno in bicicletta e spendono tra hotel e bed & breakfast 54 miliardi di euro l’anno

Se Francia e Austria rimangono le mete preferite in Europa dai cicloturisti, la scommessa è portare sul podio anche la Toscana: tedeschi e inglesi sono fra i più ferventi appassionati di questo tipo di vacanza, paesi in cui l’amore per il nostro territorio è storico. Infine,  i cicloturisti in Italia sono un milione e mezzo e di questi circa 400 mila arrivano nella nostra regione. Da sottolineare il fatto che nel Chianti si organizza di già un raduno di cicloturisti americani di mezza età. Tantissimi scelgono la Toscana per la possibilità di fare un turismo all’aria aperta e vicino alla natura, per i tesori artistici e gli eventi culturali. Ma la Toscana rimane meta ideale anche per chi ha in mente una vacanza per tutta la famiglia.

 

Foto: da Toscana notizie twitter

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Translate »