energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

La volpe Rubriche

Avevano preso la fattoria insieme, con l'intenzione di lavorarci tutte da sole e guadagnarsi da vivere allevando polli e mantenendo una mucca e uno o due vitelli. Sfortunatamente le cose non andarono per il verso giusto.
La Banford era una creaturina esile e delicata con gli occhiali, ed era lei, comunque, la principale investitrice perché la March di soldi ne aveva pochi o niente. Il padre della Banford, che era un commerciante a Islington, aveva fornito alla figlia il capitale iniziale, un po' perché gli stava a cuore la salute di lei, e un po' perché l'amava e non sembrava che si sarebbe mai sposata. La March era più robusta. Aveva imparato i lavori di falegnameria e carpenteria ai corsi serali a Islington. Era l'uomo di quella casa. Avevano avuto, in più, il vecchio nonno della Banford che aveva vissuto con loro all'inizio. Era stato fattore ma sfortunatamente il vecchio era morto dopo aver passato un anno alla fattoria Bailey. Poi le due ragazze erano rimaste sole.
(Traduzione: Flaviana Sortino)

Print Friendly, PDF & Email

Translate »