energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

“L’Amiata chiamò”: con i social progetto per la montagna Notizie dalla toscana

Grosseto – “L’Amiata chiamò” si è ormai trasformato in un vero e proprio progetto di rinascita e divulgazione culturale della Montagna. Nato da un’idea di Luisa Colombini, coordinatrice del Sistema Museale Amiata che rientra nella Provincia di Grosseto, il progetto consiste nell’aprire grazie ai social media Facebook e Instagram le porte chiuse dei musei (ben 11), delle esposizioni dei castelli e delle ville, delle biblioteche e dalle librerie, con la magica chiave delle iniziative e delle invenzioni di un gruppo sempre più nutrito di ricercatori, di storici, di artisti, di collezionisti, di appassionati e cultori delle narrazioni amiatine.

E si sono intrecciati frammenti di passioni diverse che insieme danno l’anima e la linfa alla Montagna: ha aperto al pubblico la sua collezione di minerali, Gaetano Pedone, ha raccontato di arte e letteratura Giombattista Corallo, hanno recitato poesia e storie d’Amiata Renzo Rossi, Roberto Magnani e Adriano Crescenzi, è andato in scena un intermezzo teatrale scritto da Marco Farmeschi,  e ha costruito una lezione sui dialetti locali, Alessio Gennari. In un pugno di giorni si è organizzato il lancio quotidiano di post, di “pillole culturali” e soprattutto di brevi video nei quali si racconta, si recita, si narrano storie, eventi, leggende e luoghi dell’Amiata.  “Questo caleidoscopio culturale spiega Luisa Colombini – ha quindi preso forma in modo dirompente, con narratori sempre diversi ma con il comune denominatore di raccontare una o più sfumature e curiosità della Montagna incantata”.

Il primo post pubblicato con l’hashtag #lamiatachiamò è uscito il 27 marzo. Da quella data fino oggi, ogni giorno viene pubblicato un contributo video o post (foto più testo) sulla pagina Facebook e Instagram del Sistema museale Amiata. I contributi arrivano alla coordinatrice del sistema museale che li gira all’operatore multimediale, Alessio Lanza che provvede al montaggio con la copertina e la grafica studiata per il progetto. I post vengono condivisi e grazie a questa operazione, che è la forza dei social, si superano ampiamente le 2000 visualizzazioni per ciascuno di essi.

L’Amiata chiamò è in definitiva una  vera e propria “distrazione culturale” che attraverso i social  intrattiene i curiosi delle storie ed i visitatori delle varie arti che vi si narrano e le quotidiane visite virtuali accrescono la conoscenza di cultura amiatina a tutto tondo.  Il gruppo ha come target una platea vasta, che va da un pubblico appassionato di arti , ai collezionisti, agli amanti delle poesie e dei racconti di genere, ai cultori di teatro e di tradizioni popolari  e arriva anche ai bambini attraverso il racconto di storie, leggende e fiabe dell’Amiata”.

L’Amiata chiamò si propone di essere uno spazio virtuale in cui le colorate schegge di una millenaria vocazione culturale si ricompongono a creare segrete sfaccettature, magie, incanti che esistono da sempre e che per la prima volta il gruppo è riuscito a raccogliere insieme per mostrare la ricchezza di una cultura che vale la pena di conoscere anche sui più popolari canali social.

“La nostra forza – osserva Luisa Colombini – sta nell’essere riusciti finalmente a fare gruppo. Per questo, da L’Amiata chiamò potranno anche partire gli stimoli per le amministrazioni comunali o la stessa Unione dei Comuni per promuovere altri progetti culturali relativi ai beni storici artistici dei paesi dell’Amiata, come campagne di scavo, progetti di ripristino e restauro di beni immobili di valore storico. Siamo solo all’inizio di un percorso e se abbiamo aperto le porte chiuse dal Covid 19, ci chiediamo cosa potrà accadere quando le porte si riapriranno.

Dovremo essere in grado di non disperdere e vanificare quanto messo insieme finora. Intanto godetevi i nostri video e scoprite insieme a noi – conclude –  quanto profuma di bello  e misterioso la nostra montagna”. Per seguire L’Amiata chiamò basta un like sulla pagina Facebook di Sistema Museale Amiata  e seguire su Instagram “sitemamusealeamiata”.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »