energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

L’angelo caduto di Marta Della Croce Cultura

"Nelle sue opere il tempo incalza, scalza la vita e scopre l’effimera configurazione delle cose terrene, scopre l’invincibile caducità dell’uomo, scopre infine la radice della bellezza dove si attacca al dolore. Nel punto in cui la finitezza umana s’incrocia con l’infinitudine cosmica, nasce l’inestinguibile, luciferina inquietudine di Marta. Come il suo angelo caduto, come il suo angelo annegato, essa porta in fondo a sé la pena di un’infinita malinconia". In queste parole della critica d'arte Maria Rita Montagnani è sintetizzata la cifra artistica di Marta Della Croce, artista toscana (è nata a Vecchiano, in provincia di Pisa, dove vive e lavora), terza artista a presentare le sue opere nella galleria online di STAMP. Artista solitaria ed “intimista”, ha orientato subito la sua ricerca artistica verso un linguaggio figurativo intenso ed inquietante. La sua tecnica si è arricchita pian piano con l’impiego dei svariati materiali: catrame, oro, resina di vetro, carta, stoffa, fino a realizzare sculture in terracotta policroma. Dal 1972 Marta Della Croce ha tenuto varie mostre personali, tra le quali spiccano quelle pisane alla Chiesa della Spina e al Centro Arte moderna (2004). Ha partecipato a numerose collettive in diverse città toscane, tra le quali la mostra a San Zeno (Pisa,2006), I segni del dolore a Camaiore (Lucca, 2007) ed Ex-salis a Salerno. Numerose anche le partecipazioni a eventi come Immagina, Arte in Fiera (Reggio Emilia, 2008 e 2009), Premio Internazionale Laguna a Venezia, la rassegna internazionale Ecomondo a Rimini: Espone successivamente nella rassegna Formae mentis alla Torre della Filada di Rivoli (Torino), al Palazzo Sozzifanti di Pistoia e allo Studio Palla di Pietrasanta. Nel 2011 espone alla Rassegna Il Sottile Fascino del Perturbante, a cura di Maria Rita Montagnani, a Villa Bottini di Lucca. Premiata al Tirrenia Expo Arte, è stata finalista anche nei premi nazionali “Città di Novara”, con l’esposizione al Palazzo del Broletto, e Salerno in Arte. Rifiuti in cerca d’autore al Palazzo Vanvitelliano di Mercato San Severino. Nell’ottobre del 2009 ha illustrato con una sua opera la copertina del libro "Il grande ascoltatore" di Maria Rita Montagnani, edito dal Centro Toscano Edizioni di Fucecchio. Sue opere in permanenza al Museo d’Arte Contemporanea di Atri (Teramo) e Musei Civici di San Gimignano, Galleria d’Arte Moderna e Contemporanea “Raffaele De Grada”.
Nella foto particolare de "Il Signore delle mosche"
La mostra online si trova nella parte terminale dell'home page del quotidiano

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Translate »