energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

L’arte cinese dialoga con l’Italia nel segno di Huang Yongyu Notizie dalla toscana

Firenze – Huang Yongyu, leggenda vivente dell’arte contemporanea cinese, sarà in Toscana domani 13 novembre (ore 17, nel Municipio di Fiesole) e sabato 15 novembre (ore 17 Firenze, Biblioteca delle Oblate). Saranno queste le occasioni per discutere di paesaggio urbano, del dialogo tra l’arte italiana cinese e del suo diario “Dal lungo Senna a Firenze”, scritto dall’artista tra il 1990 e il 1991 e pubblicato prima ad Hong Kong e poi a Pechino, in numerose edizioni che sono una fonte di conoscenza sul patrimonio artistico, culturale, umano italiano per il grande pubblico cinese.

Costruttore di ponti – materiali e virtuali – Huang Yongyu ha sempre sostenuto anche l’azione di cooperazione decentrata della Regione Toscana nelle zone occidentali della Cina, abitate dalle minoranze etniche ed è in Italia grazie al Progetto “Ad Ovest di Shanghai”, della Regione Toscana e coordinato da COSPE in collaborazione con il Comune di Fiesole e la Fondazione Michelucci.

Huang Yongyu, della minoranza etnica cinese Tujia e originario di Fenghuang (provincia Hunan), è natop nel 1924. Dopo aver fatto l’operaio in una fabbrica di statue di porcellana bianca della Bodhisattva Guanyin, a Dehua nella provincia Fujian, è stato poi insegnante alle elementari, alle medie, giornalista, editorialista (dal 1949 al ’52 ha lavorato ad Hong Kong presso l’importante testata Dagongbao) e insegnante all’Accademia centrale di belle arti di Pechino, lavorando anche in vari altri campi della cultura e ricevendo innumerevoli riconoscimenti.

Ha studiato da autodidatta arte e letteratura, dedicandosi a incisioni, pittura tradizionale cinese, pittura ad olio, scultura, caricatura, prosa e poesia. Oggi Huang Yongyu vive a Pechino, continuando la sua incessante attività di artista, scrittore e viaggiatore e rimane uno dei più straordinari promotori di un turismo culturale, artistico, ecologico, attento al rispetto del territorio e delle tradizioni d’Italia.
Il Diario costituisce l’occasione per leggere in noi italiani attraverso il benevolo filtro dello sguardo di un artista di livello internazionale: la tradizionale attenzione italiana al patrimonio artistico, paesaggistico, naturalistico, umano (molti i vivaci ritratti di vecchi artigiani di Firenze, con cui il Maestro ha stretto amicizia durante i suoi viaggi nell’amata Toscana) mostrano come eravamo vent’anni fa. Come teniamo vivo quell’esempio positivo che Huang Yongyu ha portato nelle case dei suoi innumerevoli lettori in Cina e ad Hong Kong?

Gli eventi:

FIESOLE – Municipio – Sala del Basolato – Giovedì 13 novembre 2014 – ore 17,00
(Oltre all’artista intervengono: Anna Ravoni, Sindaco di Fiesole; Barbara Casalini, Assessore alla Cultura; Corrado Marcetti, Fondazione Michelucci; Egle Buonamici – Viaggiatrice nelle terre della Cina occidentale; Li Hui – Scrittore, editorialista del “Renmin Ribao”; Chen Baoshun e Maria Omodeo – Curatori della versione italiana del Diario)

FIRENZE – Biblioteca delle Oblate – Via dell’Oriuolo, 26 – Sabato 15 novembre 2014 – ore 17,00 – Sala Conferenze
(Oltre all’artista intervengono: Susanna Guidotti – Regione Toscana; Li Hui – Scrittore, editorialista del “Renmin Ribao”; Domenico De Martino – Accademia della Crusca; Pietro Omodeo – fratello di Huang Yongyu; Chen Baoshun e Maria Omodeo – Curatori della versione italiana del Diario)

Immagine: www.theartroomplant.blogspot.com

Print Friendly, PDF & Email

Translate »