energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

L’artista casentinese Sara Lovari protagonista di “Gladiatori di carta” al Museo Archeologico Nazionale di Napoli Arezzo, My Stamp

NAPOLI – Dopo il successo del 2020 con l’installazione “A pesca di vita”, l’artista casentinese Sara Lovari torna a esporre al Museo Archeologico Nazionale di Napoli con la videoinstallazione “Gladiatori di carta”, realizzata assieme al noto esponente campano della performance art Mauro Maurizio Palumbo.

Il progetto artistico, coordinato dall’architetto cortonese Silvia Neri, ha preso il via mercoledì 5 maggio nella saletta Ambassador del MANN e propone una sorta di cortocircuito temporale, ispirato alle atmosfere simboliche de “Il Cavaliere inesistente” di Italo Calvino.

Le pesanti armature degli antichi gladiatori diventano per l’occasione leggeri involucri di carta riciclata e si ricollegano idealmente alla grande mostra attualmente in corso nel museo archeologico napoletano intitolata “Gladiatori”, formata da 160 preziosi reperti suddivisi in sei sezioni.

L’armatura di Sara Lovari indossata da Palumbo vuole essere una riflessione sull’emergenza sociale dei senzatetto, avvolti nei cartoni nelle lunghe notti fredde. “Sono loro i veri gladiatori di oggi, quelli che combattono per sopravvivere” spiegano i due artisti, che nel giorno inaugurale hanno incontrato il pubblico in piccoli gruppi dalle ore 17 in poi.

Il video della performance sarà poi proiettato in sala fino al 6 gennaio 2022 e, come evento collaterale, resterà disponibile per tutta la durata della mostra “Gladiatori” assieme all’esposizione dell’armatura.

Quella napoletana è una tappa importante nel percorso artistico di Sara Lovari, che ha esordito nel 2007. Da lì la sua carriera è stata un crescendo di successi e collaborazioni con musei e gallerie di tutto il mondo.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »