energee3
logo stamptoscana
Edizioni Thedotcompany

Lavoro, in Valdarno sta nascendo un innovativo “nucleo anticrisi” Cronaca

Alla Beltrame, stamattina 4 febbraio, è tornato il segretario regionale della Cgil Alessio Gramolati. Una visita non di pura cortesia e solidarietà ai lavoratori che dal 27 ottobre scorso, giorno in cui la proprietà annunciava la chiusura, sono senza lavoro. Ma un viaggio importante per dare appoggio e concretezza a un progetto che, se verrà proseguito, potrebbe essere una novità interessante per il mondo del lavoro.
Si tratterebbe infatti della costituzione di una “lega” fra i vari soggetti del mondo della produzione valdarnese per giungere a una soluzione condivisa del caso Beltrame. Un caso che è già diventato, per storia e impatto sociale, una sorta di testa di ponte, di simbolo cui guarda la lunga lista delle aziende in crisi che si registra in Toscana.
Sono 79, i lavoratori-simbolo della Beltrame. E il nucleo anticrisi in formazione comprenderà sia forze istituzionali, che sindacati, che imprenditori. Tutti insieme, per cercare uno spiraglio nella crisi che stritola il Valdarno.
Certo, il primo passo verso una soluzione possibile sarà per l’ex-Ferriera, ma il nucleo anticrisi non servirà solo per la Beltrame; ciò che sta cercando di prendere forma (contando anche sull’appoggio della Regione Toscana e della stessa Comunità Europea) è un vero e proprio strumento a disposizione delle realtà economiche che la crisi ha messo in ginocchio, o rischia di farlo.
D’altro canto, quello di Gramolati oggi è stato una sorta di summit preliminare di avvicinamento alla creazione della nuova “arma” anticrisi: il segretario regionale della Cgil ha infatti incontrato, dopo i lavoratori della Beltrame, sia il sindaco di San Giovanni Maurizio Viligiardi, sia il presidente della Conferenza dei Sindaci Sauro Testi, sia il sindaco di Cavriglia Ivano Ferri. Inoltre, incontri anche con il responsabile della Fiom Alessandro Tracchi e con quello della Cgil di zona Lauro Milaneschi.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »