energee3
logo stamptoscana
Edizioni Thedotcompany

Lavoro, muore un operaio edile a Bibbiena Breaking news, Cronaca

Arezzo – Non si placa la serie dei morti sul lavoro, che oggi, stamattina 25 gennaio, ha colpito nuovamente la Toscana: un operaio di 51 anni, residente in Casentino, è morto dopo essere rimasto incastrato in una tramoggia. Il sinistro è avvenuto stamane, in un impianto di produzione di materiale per edilizia, dove si lavorano calcestruzzi, a Bibbiena in provincia di Arezzo: sul luogo dell’incidente sono giuti gli operatori del 118, i vigili del fuoco e i carabinieri, ma purtroppo non c’è stato nulla da fare, l’uomo è spirato sul posto. I carabinieri hanno dato inizio alle indagini.

Anche ad Ansedonia (Grosseto) un operaio è caduto da una impalcatura, è grave. “Un’altra giornata nera sul fronte della sicurezza sul lavoro, in particolare nel settore dell’edilizia – la dichiarazione di Giulia Bartoli (segretaria generale Fillea Cgil Toscana) -. Un’altra giornata inaccettabile, di dolore e rabbia. In attesa delle conclusioni degli enti competenti sulla dinamica di questi incidenti sul lavoro, non si può non allargare lo sguardo sulla situazione del settore dell’edilizia: nel 2021, periodo, gennaio-novembre, gli incidenti sul lavoro sono cresciuti del 22% rispetto allo stesso periodo del 2020 (2369 contro 1940). In particolare, novembre 2021 segna un +64% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente (2369 infortuni contro 188). Tra 2021 e 2020 sono aumentati gli incidenti anche tra le fasce di età più giovani: la ricerca spasmodica di personale, in questa fase di ripresa del settore, fa peccare in sicurezza, formazione e prevenzione. La troppo fretta nell’usufruire dei bonus fiscali, la scarsità di strutture adeguate, il poco tempo per la formazione e i ritmi di lavoro sono un mix esplosivo. E’ importante che, nell’utilizzo delle risorse e degli incentivi pubblici, si selezionino le imprese serie che rispettano le regole, non quelle che nascono dalla mattina alla sera: occorrono più filtri nell’accesso alle risorse, ne va della sicurezza sul lavoro, della legalità, della corretta applicazione dei contratti.  La politica deve porsi il problema, così come deve porsi quello dell’esigenza di maggiori controlli e ispezioni nei cantieri, bene le nuove assunzioni di ispettori ma in questa fase di boom del settore bisogna attivare delle task force urgentemente”.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »