energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Le “porte vinciane” mettono d’accordo Pisa e Livorno Economia

Livorno – Sopralluogo alle  porte vinciane per il presidente della Toscana, Enrico Rossi, e l’assessore regionale alle infrastrutture, Vincenzo Ceccarelli, che si sono recati al sistema di chiuse che separa il canale Navicelli di Pisa dalla darsena Toscana del porto di Livorno per verificarne il corretto funzionamento, dopo i lavori di ripristino effettuati dalla società Navicelli spa per conto del Comune di Pisa. Insieme a loro il segretario dell’Autorità portuale regionale, Fabrizio Morelli, e Vanni Bonadio, componente del comitato di gestione dell’Autorità portuale dell’Alto Tirreno.

“Siamo intervenuti per conciliare interessi diversi tra il porto di Livorno e il canale Navicelli – ha detto Rossi – Abbiamo affidato la gestione all’Autorità portuale regionale che si regolerà su fascia oraria, con un’apertura mattutina e una pomeridiana, oltre ad aperture speciali quando saranno necessarie. In più abbiamo sostituito le vecchie chiuse con porte nuove, con un investimento di 430mila euro, per garantire perfetta efficienza”.

Sono inoltre in corso lavori per il dragaggio della darsena Toscana e sono già state stanziate risorse per ripulire i Navicelli: “Ma su questo fronte – ha proseguito – dovremo investire ulteriormente: oggi si producono yacht sempre più grandi e dato che la cantieristica a Pisa è un’attività che impiega diverse centinaia di lavoratori, occorre tenere in efficienza il Canale Navicelli, che è la via che collega Pisa al mare. Per permettere il passaggio di navi con più pescaggio ci sarà bisogno di approfondire il Canale e fare investimenti, ai quali provvederà la società Navicelli S.p.A con un project financing al quale la Regione contribuirà con un fondo da circa 6 milioni che verrà stanziato a settembre”.

I lavori di sostituzione e ripristino in piena efficienza delle ‘porte’ si sono conclusi il 26 luglio, giorno in cui si sono svolte prove funzionali con esito positivo. L’intervento è stato finanziato dalla Regione con 430mila euro ed ha avuto lo scopo di riportare le chiuse alla piena efficienza prima che la competenza della gestione del sistema di sbarramento passasse dal Comune di Pisa all’Autorità portuale regionale, secondo quanto previsto dalla lr 18/2016, che sancisce il ritorno delle ‘porte’ sotto il controllo della Regione Toscana. Il passaggio delle competenze è avvenuto lunedì 31 luglio.

Il ritorno della gestione delle porte vinciane alla Regione Toscana dopo 23 anni (la competenza era stata assegnata al Comune di Pisa nel 1994) servirà da garanzia per tutte le parti coinvolte in maniera diretta o indiretta nel loro funzionamento.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »