energee3
logo stamptoscana
Edizioni Thedotcompany

Lega Nord Toscana e la crisi del partito: “Solo personalismi” Politica

In difficoltà da diverso tempo, con 9 province commissariate su 10 nella regione e con le clamorose fuoriuscite dal partito dei consiglieri regionali Marina Staccioli e Dario Locci, la Lega Nord Toscana cerca di ricomporre i pezzi e riordinare le fila. Nonostante le “dimissioni valanga” che hanno interessato in quest'ultimo periodo diverse cariche dirigenziali del partito – si vedano Federico Meanti (Massa Carrara), Vincenzo Capovani (Lucca) e Andrea Asciuti (Firenze), tutti segretari provinciali – il commissario regionale del Carroccio On. Gianni Fava cerca di placare gli animi e spiega: «i commissariamenti servono per portare ai congressi. Abbiamo deliberato di procedere a celebrare quelli cittadini in tutte le sezioni della Toscana dove esiste la necessità di andare a rinnovo. L'obiettivo e' arrivare, in qualche mese, ai congressi provinciali e poi a quello regionale, in modo da far tornare tutto alla normalità».
Il commissario regionale tiene a ribadire che «la Lega gode di ottima salute in Toscana», e che le dimissioni degli ultimi tempi fanno parte di una logica personalistica che ha dominato il dibattito interno al partito.
La Staccioli aveva accusato l'eurodeputato leghista Claudio Morganti di una gestione verticistica ed autoritaria del potere all'interno del Carroccio, ma anche su questo punto Fava difende la classe dirigente leghista: «'Non c'è nessuna gestione autoritaria e non e' in discussione la linea politica del movimento. Abbiamo tentato fino all'ultimo di fare in modo che tutti restassero nel movimento. Purtroppo non è stato possibile e nella giornata di lunedì provvederemo ad espellere ufficialmente i dimissionari: fino a quella data, chi intende tornare sui propri passi ha tempo per farlo».

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »