energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Lega Pro: Arezzo vola, vincono Pistoiese e Pontedera Sport

Firenze – Tredicesima giornata di ritorno del campionato di Lega Pro. Nel Girone A delle nove squadre toscane tre hanno centrato il risultato pieno. Si tratta dell’Arezzo, della Pistoiese, che si è aggiudicata il derby con Tuttocuoio, e Pontedera che ha rimandato battuto il Prato.

Hanno invece pareggiato Livorno, Carrarese e Lucchese; mentre sono uscite sconfitte Tuttocuoio, Siena e Prato. Da aggiungere che la capolista Alessandria è stata battuta in casa e la Cremonese, diretta avversaria, ha   ridotto a tre i punti di distacco.

——————————-

PISTOIESE – TUTTOCUOIO 3 – 1

Non ha offerto una grande prestazione, ma alla fine la Pistoiese si è aggiudicata con merito la partita ed in classifica si è portata in una zona tranquilla. Ed ha pure confermato che sul campo amico concede poco (su 16 partite solo 3 sconfitte) agli avversari.

Tuttocuoio, invece, salvo il 5 a 0 rifilato all’Olbia di una settimana fa, continua a collezionare risultati negativi ed ora si trova in piena zona playout. In questa partita contro la Pistoiese, i neroverdi di Ponte a Egola, privi dello squalificato Provenzano, non erano partiti male. Anzi fino alla mezzora avevano giocato meglio dei padroni di casa.

Ma a quel punto la Pistoiese passava improvvisamente in vantaggio con una rete fortunosa di Bellazzini. Comunque al momento di andare a riposo Tuttocuoio pareggiava con Ferrari. Sul risultato di parità, giusto, si andava avanti fino a dieci minuti dalla fine quando i padroni di casa centravano il bersaglio ancora due volte prima con Hamlili e quindi con Rovini.

——————————

PONTEDERA –PRATO 1 – 0

Quinto risultato utile consecutivo per il Pontedera. Tre pareggi (Renate, Tuttocuoio e Cremonese) e due vittorie (Lupa Roma ed, appunto, Prato). Con questa somma di risultati la squadra di Paolo Indiani si è allontanata  dalla bassa classifica. E sta dimostrando di aver ritrovato la giusta cadenza dopo un periodo non molto felice.

Il Prato, invece, si è battuto ancora una volta con grande slancio, ma ha dovuto incassare la 19° sconfitta. In classifica è penultimo. Fortunatamente il Racing Roma,  fanalino di coda, ha perso ed i lanieri vantano quattro punti sui romani quindi sono in grado di evitare la retrocessione diretta. Visto quanto prodotto nella ripresa il Prato meritava qualcosa in più.

Tra l’altro la rete è scaturita da un vistoso errore del difensore pratese Tomi che ha scodellato la palla vincente sui piedi di Santini che al 10’ segnava il gol.——————————-

LIVORNO –  LUPA ROMA 1 – 1

Il Livorno non ha vinto una partita che sulla carta sembrava estremamente facile. Non ha vinto perchè ha sbagliato tanto, troppo. Ha gettato al vento anche un rigore.

La Lupa Roma, che nelle precedenti quattro partite aveva racimolato solo un punto, ringrazia perché quel pareggio inaspettato alimenta le speranze di uscire dai bassifondi della classifica.

I labronici, dopo aver mancato tante occasioni, dopo un’ora di partita passavano in vantaggio con una rete di Venitucci. Con quel vantaggio il Livorno continuava a tenere le redini della partita ed a collezionare altri errori in zona gol fino a quando nelle ultime battute i romani pareggiavano con Fofana. Ma non era finita. Il Livorno poteva ancora vincere se avesse messo a segno un rigore ottenuto nei minuti di recupero. Dal dischetto calciava il brasiliano Calil, il portiere Brunelli respingeva, si avventava sulla palla Murillo e metteva in rete. Ma l’arbitro annullava la rete tra le vivaci proteste dei labronici.

—————————————-

SIENA – CREMONESE 0 – 2

Seconda sconfitta consecutiva per la Robur Siena (era stata battuto a Carrara) ed i tifosi hanno contestato la squadra che non sta ottenendo quei risultati che sembrano possibili.

La Cremonese ha così acciuffato il successo e si è portata a soli tre punti dalla capolista Alessandria. Forse i senesi meritavano qualcosa in più. Purtroppo per loro commettono troppi errori in fase conclusiva. E così anche il bilancio delle partite interne presenta un saldo in rosso : 16 partite giocate, 6 vittorie, 2 pareggi e ben 8 sconfitte.

La partita si è praticamente risolta nel primo tempo quando a pochi minuti dal riposo la Cremonese andava due volte a bersaglio con Scappini. Nella ripresa i padroni di casa cercavano di recuperare, ma non riuscivano nel loro intento anche per la capacità difensiva dei lombardi.

——————————–

  PIACENZA – AREZZO  1 – 2 

Vittoria sofferta, meritata che consente all’Arezzo di consolidare il terzo posto in classifica. Un successo importante, di sicuro significato tecnico perché ottenuto contro un Piacenza che si era presentato a questa partita con ben sette risultati utili consecutivi.

Ma anche l’Arezzo, esclusa la scivolata sul campo del Renate, vantava un ruolino di marcia invidiabile (ultime quattro partite tre vittorie ed un pari) e con questa affermazione si conferma pure una delle più belle realtà del girone A.

Dopo un primo tempo senza reti, ma con diverse emozioni, si decideva tutto nella ripresa. Passavano subito in vantaggio i toscani con una rete di Corradi ed ad un quarto d’ora dalla fine raddoppiavano con Bearzotti (in questi due gol c’è stato lo “zampino di Moscardelli).

Accorciavano le distanze gli emiliani grazie ad un’autorete di Borra, ma l’Arezzo controllava bene gli assalti del Piacenza e conduceva in porto la preziosa vittoria.

——————————-

   COMO – CARRARESE 2 – 2

Un altro passo avanti della Carrarese nel suo tentativo di allontanarsi dalla zona playout. Una settimana fa ha battuto il Siena, ed a Como ha strappato un prezioso pari nonostante sia andata in campo lamentando numerose assenze di titolari.

Insomma, anche dal gioco che è riuscita ad esprimere, la squadra apuana sembra in ripresa. Sul campo dei lariani Carrarese in vantaggio su rigore al 38’ realizzato da Floriano (decimo gol personale)-

Su quel punteggio la partita andava avanti fino a pochi minuti dalla fine. A quel punto tre reti nel giro di tre minuti cioè all’80’ ed all’82’ doppietta di Le Noci e subito dopo pareggio della Carrarese con Bastoni.

————————–

RENATE – LUCCHESE  0 – 0

Un punto prezioso per la Lucchese perché ottenuto su un campo difficile e contro una squadra il Renate solida e grintosa. Non a caso sul campo amico ha disputato 18 partite e perdute soltanto una.

Lo zero a zero è stato un giusto risultato che ha sancito molto equilibrio fra due avversarie di eguale valore, che hanno offerto un buon football, anche se hanno creato poche occasioni da rete.

Sulla cui panchina della Lucchese, esonerato Giuseppe Galderisi, ha debuttato Giovanni Lopez (ma si tratta di un ritorno). Dunque è stato un esordio positivo per questo tecnico perchè ha mandato in campo una valida formazione.

——————————-

ALESSANDRIA – GIANA 2 – 4

Risultato a sorpresa visto che la capolista Alessandria non aveva mai perso sul campo amico (15 partite con 14 vittorie ed un pari). E’ stata una partita con molti episodi insoliti. Comunque i piemontesi andavano in vantaggio dopo cinque minuti con Bocalon. Ma alla mezzora il Giana pareggiava con Chiarello.

Con una rete per parte al riposo. Nella ripresa doppietta di Okyere. Sotto di due gol l’Alessandria attaccava con puntiglio, ma doveva subire il quarto gol autore Bruno. Al 90’ la capolista accorciava le distanze con Gonzalez. Ma non evitava l’imprevista e clamorosa sconfitta.

———————————-

RACING ROMA – PRO PIACENZA 0 – 1

Vittoria al fotofinish della Pro Piacenza che realizza l’unico gol della partita al 92’ con Pozzi. Una partita senza troppe emozioni, ma che forse alla fine ha premiato la squadra più propositiva. Un successo che porta gli emiliani in zona playoff.

Per il Racing Roma, ultimo in classifica, un’altra sconfitta che riduce terribilmente le possibilità di evitare la retrocessione. In serata l’allenatore Giuliano Giannichedda ha dato le dimissioni. Al suo posto al momento il suo vice Antonelli Mattei.

—————————–

 OLBIA – VITERBESE 1 – 2

Continua la serie negativa (e sfortunata) dell’Olbia che ha collezionato l’ennesima sconfitta e precipita in piena zona playout. I sardi non vincono dalla fine di gennaio. Contro la Viterbese non meritavano di uscire battuti. Un pari sarebbe stato più giusto.

Andava in vantaggio la Viterbese con il suo bomber Neglia, pareggiava dopo un’ora di gioco l’Olbia con Kouko (gli isolani colpivano pure una traversa con Capello) ed a cinque minuti dalla fine i laziali segnavano con Celiento il gol del successo.

—————————————–

 CLASSIFICA – GIRONE A

1°) Alessandria p. 66;

2°) Cremonese p. 63;

3°) Arezzo p. 59;

4°) Livorno p. 57;

5°) Giana Erminio p. 56;

6°) Piacenza p. 52;

7°) Pro Piacenza e Viterbese p. 47;

9°) Como e Renate p. 46;

11°) Lucchese p. 41;

12°) Robur Siena e Pistoiese p. 38;

14°) Pontedera p. 37;

15°) Carrarese p. 33;

16°) Olbia e Tuttocuoio p. 32;

18°) Lupa Roma p. 30;

19°) Prato p. 29;

20°) Racing Roma p. 25.

——————————-

CLASSIFICA MARCATORI

18 RETI Bocalon (Alessandria);

17 RETI : Gonzalez (Alessandria);

16 RETI : Brighenti (Cremonese);

15 RETI : Forte (Lucchese) e Bruno (Giana);

14 RETI : Moscardelli (Arezzo);

13 RETE : Pesenti (Pro Piacenza);

12 RETI : De Sousa (Racing Roma);

11 RETI : Cellini (Livorno); Neglia (Viterbese); Marotta (Siena); Santini (Pontedera);

10 RETI : Polidori (Arezzo); Taugourdeau (Piacenza); Floriano (Carrarese)

9 RETI : Marzeglia (Renate); Scappini (Cremonese)

8 RETI : Chinellato (Como); Capello (Olbia); Moncini (Prato); Shekiladze (Tuttocuoio); Fofana (Lupa Roma); Colombo e Rovini (Pistoiese);

7 RETI : Ragatzu (Olbia); Razzitti (Piacenza);

6 RETI : Berlingheri, Maiorino, Scarselli e Stanco (Cremonese); Maritato e Murillo (Livorno); De Feo (Lucchese); Romero (Piacenza); Tavano (Prato); Musetti (Pro Piacenza); Bunino (Siena); Marano (Viterbese); Pessina (Como).

——————————–

GIRONE A – 13° DI RITORNO

RISULTATI – Piacenza-Arezzo 1-2; Como-Carrarese 2-2; Siena-Cremonese 0-2; Alessandria-Giana 2-4; Renate-Lucchese 0-0; Livorno-Lupa Roma 1-1; Pontedera-Prato 1-0; Racing Roma-Pro Piacenza 0-1; Pistoiese-Tuttocuoio 3-1; Olbia-Viterbese 1-2.

———————————

GIRONE A – 14° DI RITORNO

MARTEDI’ 4 APRILE – Viterbese-Alessandria, ore 18,30; Giana-Piacenza ore 16,30; Carrarese-Alessandria; Cremonese-Como; Pro Piacenza-Livorno, ore 14,30; Prato-Olbia, ore 16,30; Giana-Piacenza; Viterbese-Pistoiese; Arezzo-Pontedera, ore 20,30; Lucchese-Racing Roma; Lupa Roma-Renate, ore 14,30; Tuttocuoio-Siena.

——————————-

15° DI RITORNO – GIRONE A

SABATO 8 APRILE – Arezzo-Giana; Pontedera-Livorno, ore 18,30; Pistoiese-Lucchese; Cremonese-Lupa Roma; Racing Roma-Olbia; Alessandria-Prato; Piacenza-Pro Piacenza; Siena-Renate; Como-Tuttocuoio; Carrarese-Viterbese.

————————

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »