energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Lega Pro: delle toscane vincono Pistoiese e Siena Sport

Firenze – Questa sesta giornata del girone A della Lega Pro non è stata molto favorevole alle nove squadre toscane. Ben cinque Livorno, Prato, Carrarese, Pontedera e Tuttocuoio sono uscite sconfitte; mentre Lucchese ed Arezzo a confronto diretto hanno pareggiato; le altre due toscane Pistoiese e Robur Siena hanno trionfato. Per la Pistoiese è stato il primo successo; mentre il  Siena che ha espugnato il campo del Prato, squadra quest’ultima in piena crisi. Rimane da aggiungere che la capolista Alessandria continua a vincere ed è già in fuga.

——————————

 PRATO – ROBUR SIENA 1 – 2

Robur Siena in paradiso; Prato all’inferno. Per i bianconeri senesi è stata la prima vittoria in campionato a conclusione di un derby interessante con gli ospiti più bravi in più di un settore ed un Prato con diversi problemi e tanta sfortuna.

La sfortuna del Prato si manifesta dopo nemmeno dieci minuti di partita quando incassa il primo gol su autorete di Antonini. Andare sotto in un derby così importante significa anche perdere fiducia, lucidità. Ed infatti allo scadere del primo tempo il Prato subiva la seconda rete su un preciso colpo di testa di Marotta.

Nella ripresa i lanieri avevano una buona reazione, accorciavano le distanze con Moncini, ma non riuscivano ad evitare la quarta sconfitta, terza consecutiva. Prato ultimo in classifica con appena due punti; niente vittorie, 2 pareggi e 4 sconfitte; 13 reti al passivo; soltanto 5 all’attivo. Insomma la squadra è in piena crisi. Urgono provvedimenti tali da dare una “scossa” a tutto l’ambiente. E forse trema la panchina di Leo Acori.

Per il Siena, che pur non naviga in acque calme, finalmente un sorriso. Perché ha cancellato lo zero nella colonna delle partite vinte (1 successo; 3 pari, 2 sconfitte); perché ha acciuffato i primi punti in trasferta; perché ora può guardare avanti con più tranquillità e fiducia anche se non ha ancora risolto i suoi  problemi.

—————————

LUCCHESE – AREZZO 2 – 2

Per quasi un’ora la Lucchese ha accarezzato il sogno di vincere la partita e sarebbe stata la prima in questo avvio di campionato. Un sogno legittimo perché nel primo tempo la squadra di Lucca ha tenuto il pallino del gioco e segnato due reti. Dopo una decina di minuti con Terrani ed alla mezzora con Bruccini. L’Arezzo soffriva la manovra della Lucchese segnatamente nella zona centrale del campo.

Ma all’inizio della ripresa l’episodio che dava una svolta alla partita. L’arbitro assegnava un rigore all’Arezzo. Protestavano vivamente i padroni di casa. In verità si è trattato di un rigore molto dubbio. Comunque l’Arezzo segnava dagli undici metri con Moscardelli e trovava una cifra di gioco e di slancio agonistico assai migliore di quanto aveva mostrato nel primo tempo. Ed a dieci minuti dalla fine raggiungeva il pareggio con Polidori.

Per la Lucchese si è trattato del quarto pari (l’ultimo domenica scorsa a Livorno) e nella colonna dei successi è rimasto lo zero. A sua parziale soddisfazione si può dire che la squadra ha disputato una buona partita.

L’Arezzo ha “riacciuffato” il risultato rilanciato dal rigore quando sembrava in grave difficoltà. Quindi è tornato a casa con un prezioso pari portando a 11 i suoi punti e restando così nei quartieri alti nella classifica (3 vittorie, 2 pari, 1 sconfitta; 10 gol e 7 al passivo).

—————————

PISTOIESE – CARRARESE 3 – 0

Prima vittoria della Pistoiese. E’ arrivata solo alla sesta giornata, ma è stata ottenuta a conclusione di una prestazione davvero positiva sotto tutti i profili. Una vittoria che ha meritato gli applausi dei tifosi arancioni.

Il risultato numerico esprime da solo la differenza dei valori in campo e non cambia il giudizio anche se la Carrarese ha giocato quasi mezzora in dieci per l’espulsione di Marsili. La squadra di Remondini finalmente ha mostrato solidità in difesa ed una manovra corale positiva come non era mai successo nelle giornate precedenti. Ed ora viaggia con 1 vittoria, 4 pareggi e 1 sconfitta. E guarda con rinnovata fiducia in avanti.

Per la Carrarese una giornata storta e costretta a giocare la seconda parte della partita in dieci. Ma la circostanza di aver totalizzato cinque sconfitte su sei giornate ( ed un successo) suggerisce la necessità di rivedere qualcosa non dimenticando che fino all’inizio del campionato la Carrarese era un cantiere aperto.  Quindi occorre pazienza e un attento lavoro volto migliorare la situazione.

I gol. Al 15’ Gyasi; al 57’ Hamilili; all’86’ Rovini.

————————-

 

OLBIA – LIVORNO 1 – 0

Inaspettata battuta d’arresto del Livorno sul campo dell’Olbia, squadra neo promossa. Zero a zero fino ad un minuto dalla fine. Rompeva l’equilibrio Mirko Miceli con un preciso colpo di testa. E per la verità i sardi non hanno rubato il successo.

Uno stop che non sorprende perché la squadra labronica in più di una delle partite disputate (veniva dal pari interno con la Lucchese) aveva mostrato dei problemi raccogliendo forse più di quanto aveva meritato. Certo se perde partite come questa sarà difficile per il Livorno tornare subito in serie B.

————————-

PRO PIACENZA – PONTEDERA 1 – 0

Il Pontedera gioca molto meglio dei padroni di casa. Anzi nel primo tempo ha dominato alla grande (alla mezzora palo di Santini) ed avrebbe meritato di passare in vantaggio. Ma anche nella ripresa i toscani non erano inferiore sotto ogni profilo, anzi, rispetto alla Pro Piacenza.

Dopo un’ora di partita arrivava un generoso, ma molto generoso rigore per il Pro Piacenza realizzato da Cassani. Morale : il Pontedera ha offerto un bel football ed è stato superiore all’avversaria, ma è stata la Pro Piacenza si è preso il successo. Il calcio è anche questo. Così’ gli emiliani sono tornati al successo dopo tre sconfitte consecutive; il Pontedera ha incassato la prima sconfitta in questo avvio di campionato. E mercoledì 12 ottobre alle ore 14,30 recupererà la partita a Como.

————————

TUTTOCUOIO – GIANA ERMINIO 0 – 1

Seconda sconfitta di Tuttocuoio e terzo successo del Giana Erminio. E’ stato lo scontro tra due squadre che rappresentano piccoli centri abitati. Gioco vivace, fresco, spontaneo.   Tuttocuoio non è apparso in una delle sue migliori giornate. Si è difeso bene e sospinto dal georgiano Shekladze sfiorava più volte il gol. Come del resto i lombardi i quali a differenza dei toscani andavano a bersaglio ad un quarto d’ora dalla fine realizzavano il gol con Bruno. Uno stop della squadra di Ponte a Egola che non deve creare problemi visto il buon cammino della squadra fino a questo momento.

——————————

ALESSANDRIA – COMO 2 -0

Sei partite, sei vittorie. L’Alessandria tenta la fuga. Non solo vince, ma offre un calcio di assoluto spessore, dimostra di disporre di un parco giocatori di notevole valore. I risultati lo confermano : non solo ha sempre vinto, ma convince sempre. Anche in questa partita l’Alessandria pur trovandosi a giocare gli ultimi dieci minuti in dieci per l’espulsione di Cazzola ha continuato a dominare la scena. Como si è battuto con slancio. Ma la sua sorte è presto apparsa sul terreno di gioco con i piemontesi a dettare legge.

—————————

CREMONESE – PIACENZA 1 – 2

In questa sesta giornata di campionato prima sconfitta per la Cremonese “fermata” sul proprio campo da un brillante Piacenza che si è aggiudicato con merito il derby del Po ed ha portato a casa il secondo successo. Dopo un’ora di partita Piacenza in vantaggio di due reti – doppietta di Taugordeau – con la Cremonese che a 20’ dalla fine accorciava le distanze con Scappini, ma non riusciva ad evitare la sconfitta.

—————————

VITERBESE – RENATE 3 – 0

Rispetto ai due precedenti successi questa volta la Viterbese ha centrato la sua terza vittoria con facilità. Una curiosità. Senza reti nel primo tempo all’inizio della ripresa entra Francesco Marano che realizza lui le tre reti. Successo meritato, ma senza dubbio facilitato dalla circostanza che il Renate mancava di ben sei giocatori quindi in campo con una formazione di emergenza.

————————–

 RACING ROMA –LUPA ROMA 2 -0

E’ andato alla squadra più “giovane” il derby romano. Il Racing Club Roma ha segnato in apertura di partita con Massimo ed in chiusura in contropiede (quando la Lupa Roma era tutta all’attacco) con Shahinasi. Quindi secondo successo del Racing e terza sconfitta per la Lupa Roma che forse meritava almeno il gol della bandiera.

———————

RISULTATI 6° GIORNATA – Olbia-Livorno 1-0; Prato-Robur Siena 1-2; Racing Club Roma-Lupa Roma 2-0; Viterbese-Renate 3-0; Cremonese-Piacenza 1-2; Alessandria-Como 2-0; Lucchese-Arezzo 2-2; Pistoiese-Carrarese 3-0; Pro Piacenza-Pontedera 1-0; Tuttocuoio-Giana 0-1.

—————————–

CLASSIFICA  

1°)  Alessandria p. 18;

2°)  Cremonese p. 13;

3°) Viterbese p. 12;

4°) Arezzo p. 11;

5°) Livorno e Giana Erminio p. 10;

7°)  Viterbese e Piacenza p. 9;

9°)  Tuttocuoio ed Olbia p.8;

11°) Pistoiese p. 7;

12°) Pontedera, Racing Club Roma, Robur Siena, Pro Piacenza p. 6;

16°) p.m. Lupa Roma e Como p. 5;

18°) Lucchese p. 4;

19°) Carrarese p. 3;

20°) Prato p. 2.

—————————-

(Pontedera e Como una partita in meno)

——————————-

  PROGRAMMA DELLE GARE  

                 7° GIORNATA GIRONE A

DOMENICA 2 ottobre – Arezzo-Pro Piacenza, ore 14,30; Carrarese-Tuttocuoio, ore 18,30; Como-Racing Club Roma, ore 14,30; Giana-Livorno, ore 14,30; Lupa Roma-Viterbese, ore 14,30; Piacenza-Olbia ore 14,30; Pontedera-Lucchese, ore 18,30; Renate-Prato ore 16,30; Siena-Pistoiese, ore 14,30.

LUNEDI’ : Alessandria-Cremonese, ore 20,45.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »