energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Lega Pro, Prato grande impresa, Pisa dodicesimo successo Sport

Firenze  – Ci sono diverse ed importanti novità dopo questa 25° giornata del girone B del campionato di Lega Pro di calcio.

  • L’Ascoli non è più solo al comando della classifica essendo stato raggiunto dal Teramo.
  • Il Prato ha compiuto il “miracolo” di mettere sotto la corazzata Ascoli.
  • La Pistoiese, in gravissima crisi da molto tempo, con il nuovo allenatore, è tornata a vincere dopo due mesi e mezzo.
  • Domani lunedi a Firenze assemblea delle 60 società della Lega Pro. Sarà un’assemblea turbolenta con tante società che chiedono a voce alta le dimissioni del presidente Mario Macalli in sella da 18 anni.
  • ——————–

La Lucchese. Un successo con il quale ha riscattato la sconfitta a Pontedera. E può riprendere la marcia positiva. Prima di questo stop registrava 10 partite utili consecutive (3 vittorie e 7 pareggi). Insomma una sola sconfitta con Pasquale Galderisi in panchina.

———————–

La Pistoiese ha espugnato il campo di Tuttocuoio. Un risultato sorprendente, inaspettato, visto il tormentato cammino degli “arancioni”. Non vincevano dai primi dicembre e nelle ultime nove partite avevano collezionato sette sconfitte e due pari. Giusto parlare di sorpresa questa sua vittoria. Sulla panchina esordio dell’allenatore Stefano Sottili.

Per Tuttocuoio un brutto stop. Le tante, troppe assenze hanno contribuito a questa fase negativa della squadra che rischia di scivolare nella zona dei playout.

—————–

Per il Grosseto continua la striscia positiva. Dopo due vittorie (contro Carrarese e Pistoiese) ha ottenuto il pareggio a Forlì. Questi risultati positivi hanno portato i maremmani in una posizione tranquilla della classifica.

———————-

Risultato sorprendente anche a san Marino. I padroni di casa, fanalino di coda in classifica, hanno battuto L’Aquila, che marcia nell’alte sfere, sconfessando così’ tutti i pronostici della vigilia.

————————-

Il Teramo, pur non dominando la partita, ha battuto il Santarcangelo centrando il suo quindicesimo risultato utile consecutivo. Ed agganciando l’Ascoli in vetta alla classifica.

———————-

Il Prato ha compiuto una grande impresa. Ha rimandato battuta la corazzata Ascoli con un punteggio che non ammette discussioni. Dopo tante delusioni la squadra di Vincenzo Esposito si è espressa sui livelli di cui era accreditata all’inizio della stagione. Insomma aver messo sotto la fortissima squadra abruzzese è stato davvero un bel colpo.

Ma per la verità questo prezioso successo non deve sorprendere più di tanto visto che la squadra si presentava a questo severo impegno con una striscia di sei partite utili (1 vittoria, 5 pari). Insomma i tempi in cui tutti spadroneggiavano contro il Prato sono passati.

La squadra dei lanieri si avvia ad uscire dalla zona dei playout per portarsi in una posizione di classifica tranquilla. Tra l’altro ha affrontato questo severo test senza De Agostini, Romanò, Ghidotti e Bandini (comunque anche l’Ascoli lamentava quattro o cinque assenze importanti).

Ora il Prato si presenta solido ed accorto in difesa e sviluppa azioni apprezzabili nella zona di costruzione del gioco. Contro l’Ascoli ha ritrovato pure la strada del gol. Pure con il suo bomber Bocalon – 12° rete personale – che sbloccava la partita aprendo le segnature allo scadere del primo tempo.

Raddoppiava con Fanucchi, dopo quasi dieci minuti della ripresa; aveva un momento di difficoltà perché a venti minuti dalla fine restava in dieci per l’espulsione di Cavagna e l’Ascoli, subito dopo, accorciava le distanze su rigore con Perez. Ma infine dava concretezza al suo successo nelle battute finali con la terza rete messa a segno da Urso.

————–

Il Pontedera, invece, è stato sconfitto a Reggio Emilia. I toscani sapevano di affrontare una partita difficile – la Reggiana, terza in classifica, lotta per la promozione – ma sul piano del gioco non hanno deluso. Equilibrio nel primo tempo, finito zero a zero. Poi in un quarto d’ora della ripresa – tra i 57’ ed il 72’ – il Pontedera incassava due reti autori prima Angiulli, quindi Giannone. A quel punto la partita appariva decisamente compromessa.

La squadra di Indiani si era presentata a Reggio Emilia reduce da due vittorie consecutive (Ancona e Lucchese). Il valore dell’avversario e forse anche la stanchezza non del tutto smaltita per la partita giocata a Cosenza valida per le semifinali di Coppa Italia che il Pontedera perdeva (1 a 0), ma che il 25 febbraio, nel ritorno a Pontedera, può tranquillamente ribaltare il risultato e qualificarsi per la finale.

———————

Il Pisa ha conquistato contro il Piacenza tre punti importanti per la sua lotta al vertice della classifica. I nerazzurri, che nell’ultimo turno non hanno giocato a Reggio Emilia causa la neve, hanno vinto, ma senza convincere più di tanto.

Per un Pisa che nutre grandi speranze per il successo finale del campionato, queste partite deve aggiudicarsele alla grande. E non come è accaduto contro il Piacenza grazie ad una rete del difensore Sini. Il terzetto d’attacco – Arrighini, Arma e Floriano – è andato in bianco. Una circostanza negativa che dovrà essere valutata bene dall’allenatore Braglia.

——————-

Per la Carrarese, la partita ad Ancona, è nata sotto cattiva stella. Primo handicap le assenze : Belcastro, Brondi, Ademi, Battistini.

Dopo una decina di minuti i marmiferi incassano una rete del portoghese Tavares. E verso il ventesimo restavano in dieci per l’espulsione del difensore Teso. A completare il quadro negativo alla mezzora l’arbitro concedeva un rigore ai marchigiani che segnavano con Paponi.

Con due reti al passivo i toscani affrontavano la ripresa. E disputavano un secondo tempo dignitoso. Anzi nell’ultimo quarto d’ora facevano vedere i sorci verdi ai marchigiani : accorciavano le distanze con Cellini al 79’ ed era il 12 gol personale, e costringevano i giocatori di casa, intimoriti dal predominio degli ospiti, a perdere tempo tanto che l’arbitro ne ammoniva un paio. Comunque l’Ancona conduceva in porto il successo.

La Carrarese attraversa un momento poco brillante (ultime cinque partite solo tre punti (pari con Forlì, San Marino, Pistoiese, sconfitte con Grosseto ed Ancona) comunque può sventolare il suo singolare record di 15 pareggi su 25 partite. E di avere perduto solo cinque partite dall’inizio del campionato.

—————

A Savona, ospite il Gubbio, la partita si è conclusa con un gol per parte. Un risultato giusto anche se i liguri hanno segnato allo scadere della partita.

—————————————–

GIRONE A. L’Arezzo che domenica scorsa non ha giocato a Lumezzane per la neve torna in campo domani lunedi alle ore 20,45 ospitando il Mantova.

——————————-

CLASSIFICA

(Girone B)

 

1°) Ascoli e Teramo p. 47

3°) Reggiana p. 44

4°) Pisa p. 43

5°) L’Aquila e Ancona p. 37;

7°) Pontedera p. 35;

8°) Grosseto p. 32;

9°) Spal, Gubbio e Lucchese p. 31

12°) Pistoiese e Carrarese p. 30;

14°) Tuttocuoio e Prato p.28;

16°) Forlì e Savona p. 27;

18°) Santarcangelo p. 26;

19°) Piacenza e San Marino p. 19

———

Tre le partite da recuperare : L’Aquila-Pontedera; L’Aquila-Tuttocuoio e Savona-Pisa.

(Nel Girone A Lumezzane-Arezzo).

———————–

RISULTATI

(25° giornata)

ANTICIPI : Lucchese-Spal 2-0; Tuttocuoio-Pistoiese 0-2; Forlì-Grosseto 1-1; San Marino-L’Aquila 3-2; Teramo-Santarcangelo 3-2; Savona-Gubbio 1-1; Prato-Ascoli 3-1; Reggiana-Pontedera 2-0; Pisa-Piacenza, 1-0; Ancona-Carrarese, 2-1.

————————–

Print Friendly, PDF & Email

Translate »