energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Lega Pro: trionfo Lucchese e Arezzo, Prato sprofonda nella crisi Sport

Firenze – Settima giornata del Girone A del campionato di Lega Pro. Una giornata caratterizzata da ben tre derby toscani con quello giocato a Pontedera che ha offerto il risultato più imprevisto cioè una netta vittoria della Lucchese che non aveva mai vinto prima. Gli altri due Robur Siena-Pistoiese e Carrarese-Tuttocuoio si sono conclusi con un giusto risultato di parità.  Oltre alla Lucchese, delle toscane, ha vinto pure l’Arezzo. Ha pareggiato il Livorno che fatica a decollare; sono stati sconfitti Pontedera ed il Prato sempre più in crisi.

La partita Alessandria-Cremonese, cioè tra la capolista (6 partite, 6 vittorie) e l’immediata inseguitrice, sarà giocata domani lunedi in notturna.

——————————

ROBUR SIENA – PISTOIESE 1 – 1

Un pari sostanzialmente giusto. Per il Siena è il quarto; per la Pistoiese il quinto con un dato singolare : in trasferta ha giocato quattro volte ed ha sempre pareggiato.

Le due squadre venivano da un successo. Il Siena a Prato, la Pistoiese in casa contro la Carrarese. In questo derby a cinque minuti da riposo Pistoiese in vantaggio con Colombo, pedina preziosa per la squadra di Remondina.

All’inizio della ripresa il Siena pareggiava con Vassallo. Ma dopo un’ora esatta di gioco i padroni di casa restavano in dieci per l’espulsione di D’Ambrosio per doppia ammonizione. A quel punta la Pistoiese spingeva con puntiglio nel tentativo di vincere, ma i bianconeri senesi riuscivano a difendere il pari.

—————————–

CARRARESE – TUTTOCUOIO 1 – 1

Derby concluso con una rete per parte. Un risultato, tutto sommato, accettabile. Anche se i giocatori del Tuttocuoio hanno contestato con convinzione il gol degli apuani realizzato al 35’ da Floriano partito, appunto, secondo i giocatori ospiti, realizzato da posizione di fuorigioco.

Comunque dopo un’ora di gioco Tuttocuoio ha pareggiato con un “bolide” da 30 metri del difensore Picascia. La squadra di Fiasconi veniva da due sconfitte consecutive dando vita al dubbio che Tuttocuoio avesse perduto la brillantezza dell’inizio del campionato (nelle prime quattro partite ha totalizzato 8 punti). Invece nella partita di Carrara ha cancellato ogni dubbio di un declino offrendo una prestazione rassicurante.

Gli apuani, penultimi in classifica, sul campo amico hanno giocato tre volte e collezionato una vittoria e due sconfitte. Per loro, dunque, la prima partita conclusa in parità. E’ una Carrarese un po’ in difficoltà. Ma bisogna tener conto, sebbene in campo senza gli squalificati Marsili e Foglio squalificati, che quando è scattato il campionato la Carrarese era ancora un cantiere aperto.

——————————-

   PONTEDERA – LUCCHESE 2 – 4

Questo derby toscano ha offerto il risultato più sorprendente della giornata. Giusto parlare di sorpresa perché il Pontedera non aveva mai perso in casa e la Lucchese non aveva ancora mai vinto una partita dall’inizio del campionato.

Ma a giudicare l’andamento della partita il successo della Lucchese è stato meritato. Un po’ perché la squadra ha trovato ritmo e gioco corale mai prima mostrati rilanciando così una squadra che finora ha fatica (era terz’ultima in classifica) più del previsto. Era andata in campo con un bilancio modesto (4 pareggi e 2 sconfitte) quindi questo successo non era preventivato, comunque è arrivato e riporta nell’ambiente lucchese fiducia e tranquillità.

Il Pontedera che, appunto, non aveva mai perduto in casa, ha offerto una prestazione incredibilmente negativa. Soprattutto la difesa ha deluso. L’ottimo allenatore Indiani dovrà accertare i motivi di questo crollo sul piano del gioco oltre che sul quello del risultato. Ma potrebbe essersi trattato di una giornata no. In tal caso, niente problemi. Questo pur amaro stop va archiviato senza polemiche e cercare già domenica a Viterbo il riscatto. E magari vincere anche il recupero con il Como in calendario il 12 ottobre.

I gol. Per il Pontedera le due reti nei primi venti minuti con una doppietta di Santini. Poi la rimonta della Lucchese: al 24’ Forte; al 32’ Bruccini, al 35’ Forte. Fine del primo tempo 3 a 2 per gli ospiti. Ripresa al 6°’ De Feo che era entrato in campo da un paio di minuti.

—————————-

   GIANA – LIVORNO 2 – 2

Secondo pareggio del Livorno (primo in trasferta). L’episodio determinante a 25 minuti dalla fine della partita. A quel punto la squadra labronica conduceva per 2 a 1. Era andava in vantaggio dopo 4’ con il brasiliano Murilo; raggiunta dal Giana alla mezzora con Okyere Gullit; di nuovo in avanti all’inizio della ripresa ancora con Murilo. A 65’ appunto l’episodio centrale della partita : rigore per i lombardi realizzato da Pinardi e Livorno in dieci per l’espulsione di Lambrughi. A quel punto giocare per condurre in porto il pari era saggio. Tutto considerato è un risultato accettabile per il Livorno apparso in ripresa sul piano del gioco rispetto alla modesta e negativa prova di Olbia.

—————————-

AREZZO – PRO PIACENZA 1 – 0

L’Arezzo vince di misura, ma senza dubbio con pieno merito. Quarto successo (più 2 pari, 1 sconfitta) e la squadra di Sottili consolida la sua posizione nei quartieri alti della classifica. La rete vincente è arrivata, dopo averne sbagliate più di una, solo a dieci minuti dalla fine mettendo k.o. un Pro Piacenza non male.

Autore del gol l’argentino Erpen (grande intuito del tecnico Sottili che a venti minuti dalla fine lo aveva mandato in camp). Erpen non solo ha segnato la rete, ma ha offerto una bella prova. Gli amaranto con una sola sconfitta dopo sette giornate e con il campo amico ancora imbattuto hanno diritto a sognare in grande.

————————

  RENATE – PRATO 2 -0

E’ crisi profonda per il Prato. Ma anche grande sfortuna (non solo in questa partita). Quel 2 a 0 a favore dei lombardi esprime un vantaggio che in campo non è esistito. Sono stati due gol fortunosi, arrivati in modo occasionale. Segnatamente il primo di Florian con un pallone “raccattato” per caso nei pressi della porta pratese.

Su secondo gol realizzato da Palma dopo mezzo minuto dall’inizio della ripresa magari si può ipotizzare che la squadra dei lanieri, dopo il riposo, fosse rientrata in campo non sufficientemente concentrata tanto non riuscire ad “entrare subito in partita” e il Renate ne ha approfittato. E questo sarebbe una “colpa” dei toscani.

C’è anche da aggiungere che nella ripresa un Prato, mettendo in campo un grande ammirevole impegno, ha tenuto a lungo l’iniziativa e cercato senza riuscirvi – anche qui la sfortuna ha fatto capolino – a buttare la palla in fondo al sacco.

Dunque nemmeno l’esordio in panchina del nuovo allenatore, il fiorentino Roberto Malotti, ha frenato la caduta in verticale della squadra. Tra l’altro questo ennesimo passo falso – il Prato dopo sette partite è ultimo in classifica con soli due punti – darà nuova forza alle contestazioni e proteste già registrate durante la settimana. Insomma vita dura per il Prato.

—————————-

COMO – RANCING ROMA 2 – 1

Seconda vittoria e prima sul campo amico per il Como. Un successo meritato anche se ottenuto in rimonta. Pur con i lariani a guidare il gioco era andato in vantaggio il Racing Roma con De Sousa dopo un’ora di partita. Ma il Como non si perdeva d’animo pareggiava su rigore al 68’ e segnava la rete del successo al 90’ con Antezza.

—————————–

  LUPA ROMA – VITERBESE 0- 1

Vola l’imbattuta Viterbese (7 partite, 4 vittorie, 3 pareggi). Espugna sul campo della Lupa Roma che forse non meritava la sconfitta e in classifica si porta al momento nella scia della capolista Alessandria. Il gol è stato realizzato da Sforzini nei minuti di recupero del primo tempo.

—————————-

       PIACENZA – OLBIA 2 – 1

Seconda vittoria consecutiva per il Piacenza (aveva vinto a Cremona) confermando di attraversare un ottimo momento di forma. La superiorità dei piacentini è stata molto più netta di quanto non dica il risultato numerico tanto è vero che l’Olbia segnava la rete della bandiera solo al 90’con Auriemme. Mentre il Piacenza era andato in vantaggio dopo 10’ con Matteazzi e raddoppiato al 65’ con Razzitti.

—————————–

  CLASSIFICA  

1°) Alessandria p. 18;

2°) Viterbese p. 15;

3°) Arezzo p. 14;

4°) p.m. Cremonese e Renate p. 13;

6°) Piacenza p. 12;

7°) p.m. Livorno e Giana Erminio p. 11;

9°) Tuttocuoio p. 9;

10°) Pistoiese, Como ed Olbia p.8;

13°) Robur Siena e Lucchese p. 7;

15°) p.m. Pontedera, Racing Club Roma, Pro Piacenza p. 6;

18°) p.m. Lupa Roma p. 5;

19°) Carrarese p. 4;

20°) Prato p. 2.

—————————-

(Pontedera e Como una partita in meno)

——————————-

7° GIORNATA GIRONE A

RISULTATI – Arezzo-Pro Piacenza 1-0; Como-Racing Club Roma 2-1; Giana-Livorno 2-2; Lupa Roma-Viterbese 0-1; Piacenza-Olbia 2-1; Robur Siena-Pistoiese 1-1; Renate-Prato 2-0; Carrarese-Tuttocuoio 1-1; Pontedera-Lucchese 2-4.

————————–

DOMANI LUNEDI’

Alessandria-Cremonese, arbitro Edoardo Paolini di Ascoli Piceno, ore 20,45.

—————————

GIRONE A – 8° GIORNATA

DOMENICA 9 OTTOBRE : Cremonese-Arezzo; Livorno-Renate; Lucchese-Lupa Roma; Olbia-Giana; Pistoiese-Piacenza; Prato-Como; Pro Piacenza-Carrarese; Racing Club Roma-Robur Siena; Tuttocuoio-Alessandria; Viterbo-Pontedera.

—————-

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »