energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Legge elettorale: per Rossi listino solo per la società civile Politica

Firenze – Il presidente della Giunta regionale, Enrico Rossi, è intervenuto nel corso del dibattito in Consiglio regionale che sta discutendo la  nuova legge elettorale toscana. Dopo aver evidenziato la ricchezza del dibattito ed apprezzato alcuni interventi “anche se non sempre la penso come loro, ad esempio quelli di Magnolfi e Ciucchi”, ha affermato che “l’aspetto positivo è che, con questa legge, vengono reintrodotte le preferenze”. Per Rossi questo è “l’aspetto qualificante della proposta”, perché “il cittadino deve avere il diritto di segnare sulla scheda il nome che ritiene giusto ed opportuno per rappresentarlo”.

Dopo aver affermato che le primarie “non hanno funzionato”, Rossi ha espresso un giudizio anche sul listino regionale, facoltativo per le forze politiche partecipanti alla competizione elettorale: “Fermo restando che il mio partito ha deciso che non ricorrerà alle candidature bloccate, credo che comunque tutto dipenda dall’uso che si intende fare di questo listino, nel senso che se lo si vuole utilizzare per garantire il ceto politico non sono d’accordo, ma se si vuole utilizzarlo per offrire una possibilità ad esponenti della società civile o del mondo della cultura o delle professioni che altrimenti non avrebbero una loro base elettorale, allora dico che può andar bene”.

Rossi, che nel complesso ha definito la proposta “una buona legge”, ha concluso il suo intervento sottolineando che “l’importante era rendere ai cittadini la possibilità della scelta e questo è stato fatto”. L’auspicio, secondo lui, è che “ora si renda questa possibilità a tutti i cittadini italiani, ovvero anche per il rinnovo del Parlamento nazionale, perché il voto di preferenza è essenziale per la democrazia”.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »