energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

L’endorsement di Bonaccini a Giani: “Ci sono le condizioni per vincere” Politica

Firenze – “Auguro a Giani che gli capiti quello che è successo a noi. Credo che il centrosinistra abbia tutte le condizioni per vincere in Toscana”.

A Margine della presentazione questa mattina della mostra ‘Dante. La visione dell’arte’ che sarà organizzata dalle Gallerie degli Uffizi a Forlì, arriva l’endorsement di Stefano Bonaccini, Governatore dell’Emilia Romagna riconfermato a gennaio,  al presidente del Consiglio Regionale che a settembre sulla sua strada oltre a Susanna Ceccardi (centrodestra) troverà anche Tommaso Fattori e Irene Galletti candidata M5S che potrebbe abbandonare nel caso di una alleanza Pd-Italia Viva-M5S secondo “rumors” molto insistenti che vorrebbero riproposto anche nel “Granducato” lo schema dell’attuale governo a Roma.

Non mi permetto – ha aggiunto Bonaccini – di dargli alcun consiglio se non quello di parlare di Toscana e nient’altro. Da me ho provato si sono rifiutati e sono andato a prendere i voti a casa loro. Il problema è non esser mai subalterni a nessuno. Io credo che sarebbe comprensibile e ragionevole che chi oggi governa il Paese provasse a darsi un profilo ragionevole di coalizione similare nei territori. Sarebbe lo spirito per cui le scelte che fai a livello nazionale, tra l’altro in un momento così difficile e complicato come questo, potessero trovare una ragione anche sul territorio”.

E sulle alleanze il suo pensiero è netto: “Le coalizioni – aggiunge – non si fanno a tavolino ma sui programmi. Se c’è una convergenza sui programmi sarebbe una cosa giusta altrimenti amici come prima. Ognuno scelga la strada che ritiene più opportuna. Penso che gli elettori siano intelligenti per capire quando si fa una cosa perché si è costretti dagli eventi. In ogni caso io sono di quelli che è convinto di aver vinto perché si è fatto qualcosa per e non contro. Unioni che vengono fatte solo per impedire a qualcun altro di vincere non hanno mai una gran fortuna. Coalizioni fatte per un progetto di governo riescono persino a prendere elettori agli altri”.

Contrario a priori ad allargare la coalizione non è nemmeno il sindaco Dario Nardella che però aggiunge subito dopo: “L’importante è che quando allarghiamo dobbiamo avere delle posizioni molto chiare sui contenuti e sui progetti. “Se si trovano delle convergenze vere e trasparenti – ha aggiunto – su temi sui quali fino ad ora siamo stati divisi, penso per esempio alle infrastrutture oppure ai rifiuti o ancora alla giustizia, allora lo spazio per delle alleanze strategiche c’è”. Il primo cittadino ha voluto commentare anche l’addio al Pd di Maurizio Sguanci che è approdato a Italia Viva di Matteo Renzi: “Ognuno è libero di fare le proprie scelte: è presto per fare valutazioni politiche, ma non c’è dubbio che il Pd al suo interno dovrà aprire una discussione su un atto di questo tipo”

Foto: Luca Grillandini

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »