energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

L’epoca d’oro del mandolino a Firenze Spettacoli

Firenze – Si conclude ancora con un concerto in esclusiva, la IV edizione della rassegna Note al Museo promossa dall’Opera di Santa Maria del Fiore al Museo dell’Opera del Duomo, con la direzione artistica di Francesco Ermini Polacci.

Venerdì 22 marzo (ore 21.00) saranno protagonisti 10 musicisti dell’Accademia Mandolinistica Italiana, una piccola orchestra di mandolini, mandole, mandoloncelli e chitarre: tutti insieme per ripercorrere le pagine di un poco noto capitolo della vita musicale a Firenze fra la fine dell’Ottocento e il pieno Novecento, e che vide affermarsi in maniera straordinaria il mandolino come strumento amatissimo e popolare.

Una moda che dilagò soprattutto grazie a Carlo Munier, maestro indiscusso dell’arte mandolinistica, che da Napoli aveva raggiunto le rive dell’Arno nel 1881. L’epoca d’oro del mandolino a Firenze rivivrà così grazie all’Accademia Mandolinistica Napoletana, autorevolissima realtà attiva dal 1929 nella valorizzazione e nella diffusione del repertorio mandolinistico, guidata dal rinomato specialista in strumenti antichi a plettro e suo presidente Mario Squillante (impegnato anche come solista); la serata vedrà anche la partecipazione straordinaria di  Ugo Orlandi (mandolino) e Luisella Conter (chitarra), anch’essi rinomati esperti del repertorio storico del mandolino.

 In programma, le pagine più gustose e rare di alcuni dei musicisti più rappresentativi di quegli anni fiorentini, come lo stesso Munier, Carlo Graziani Walter, Enrico Marucelli e Luigi Bianchi.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »