energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

L’ex lago del Bientina diventa zona di interesse internazionale Notizie dalla toscana

Lo ha stabilito  su richiesta della Regione Toscana un decreto del  Ministro dell’Ambiente pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale del 12 novembre. L'ex lago e Padule di Bientina si estende per complessivi 1.785 ettari nella zona sud del territorio di Capannori e in parte sul territorio della provincia di Pisa.
“Un riconoscimento importante di tutela ambientale per questa area umida – afferma il sindaco, Giorgio Del Ghingaro –  che valorizza l’intero territorio comunale promuovendolo a livello internazionale e che garantisce al massimo la conservazione di questo ecosistema umido. Un’area naturalistica di grande pregio, che svolge importanti funzioni ecologiche e rappresenta una risorsa di grande valore economico, culturale e scientifico.”

All’ex lago e Padule di Bientina, che comprende anche l’Oasi del Bottaccio,  è stato infatti attribuito l’importante titolo per il  suo particolare valore naturalistico, poiché include ambienti altamente significativi e diversificati sotto gli aspetti floristico-vegetazionali e per l’avifauna acquatica, svolgendo una fondamentale  funzione ecologica e permettendo la conservazione della diversità biologica e genetica della regione.

In altre parole  l’area del Padule del Bientina soddisfa i requisiti richiesti dalla ‘Convenzione internazionale di Ramsar’, che fornisce il quadro per l’azione nazionale e la cooperazione internazionale per la conservazione e l’uso razionale delle zone umide e delle loro risorse. La convenzione si pone come obiettivo “la conservazione e l’utilizzo razionale di tutte le zone umide attraverso azioni locali e nazionali e la cooperazione internazionale, quale contributo al conseguimento dello sviluppo sostenibile in tutto il mondo”.

Le altre sei zone umide di interesse internazionale della Toscana sono il padule di Fucecchio, il lago di Sibolla, il lago e il padule di Massaciuccoli, il  padule della Trappola- Foce dell’Ombrone, il padule di Scarlino e il palude Orti-Bottagone.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »