energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Libri: Anita, Messi e la memoria ritrovata Cultura

“Apro gli occhi e mi accorgo di essere sdraiata su un letto. C’è luce soffusa nella stanza e guardo verso la finestra. Mi sento come se fossi nata ora. La prima cosa che mi viene in mente di chiedere è come mi chiamo e quanti anni ho. Mi dicono, ci sono un uomo e una donna in camera con me, che mi chiamo Anita e ho quindici anni…”
La protagonista di questo romanzo, ancora fresco di stampa, è Anita, una giovane ragazza spagnola in vacanza a Roma, chiamata affettuosamente dal padre “Briciola”, che perde la memoria in un incidente. Per guarire dalla sua amnesia, cerca indizi… “Curiosando, nel mio computer portatile- racconta nel libro- vedo un file che si chiama “Pulcino doc”. Di che si tratta? Che vuol dire? Mi ci addentro e scopro che è un racconto che parla di calcio, in particolare di un tale Lionel Messi, detto Leo e anche Pulce. Comincio a leggere. Scopro così che Messi è una sorta di padreterno dei calciatori. Deve essere uno bravo davvero, con una bella storia alle spalle anche se è molto giovane. Ma chi ha scritto queste cose? Non posso essere stata che io, questo è il mio personal computer!”.
Convinta che ci sia un collegamento con la sua amnesia, inizia a leggere il racconto.  Anita scoprirà e conoscerà la vita del grande calciatore del Barcellona, l’infanzia in Argentina, le immancabili difficoltà, la sua incredibile bravura con il pallone. Ermanno Detti, con un linguaggio chiaro e scorrevole, ci trasporta così nel mondo del calcio, ci descrive un mondo fatto di luci ma anche di ombre.
Ma riuscirà Anita a recuperare la memoria? Il romanzo ci tiene con il fiato sospeso…

“Ho finito di riattraversare il mio libro- racconta Anita- ma nella mia testa ho sempre il buio, anche se un po’ di memoria me la sono ricostruita. Una ricostruzione lenta… Girellando su internet scopro anche che c’è un giocatore che ispira moltissimi motti di spirito.. Questo giocatore si chiama Francesco Totti e gioca nella Roma. Com’è che questo giocatore, che pare sia bravissimo, fa tanto ridere?”
Continuano le incursioni di Ermanno Detti nel  “rimbalzante” mondo del pallone.
Il finale è inaspettato.
Un libro da mettere sotto l’albero, per grandi e piccini, perché emoziona, diverte e fa riflettere.

Ermanno Detti vive a Roma dove svolge l'attività di giornalista e scrittore.
Collaboratore di varie riviste e giornali, è stato chiamato come professore a contratto presso l'Università di Roma Tre, l'Università di Bolzano e presso l'Istituto Europeo del Design dove ha insegnato Storia dell'Illustrazione italiana. Autore di importanti saggi sulla lettura è considerato un precursore nell'ambito degli studi sulla formazione dei giovani lettori e sulle letture più diffuse tra i giovani. La sua opera più famosa, "Il piacere di leggere", è del 1987. Altri suoi studi riguardano il fumetto, le figurine, i fotoromanzi, la scrittura. Ha pubblicato anche numerosi romanzi e racconti d'avventura. Dirige la rivista "Il Pepe Verde", da lui fondata nel 1999 e che si occupa di letteratura per ragazzi; inoltre è direttore della rivista "Articolo 33".

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »