energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

“Lido Passerini”, dove risuona il no all’inceneritore Cronaca

Firenze – Un tempo matto da pieno aprile, altro che giugno ormai giunto verso metà. Scrosci d’acqua e sole, caldo e umidità alle stelle, che tuttavia non hanno fermato il popolo della Piana, che, unito sotto l’egida ormai famosa a livello nazionale delle Mamme No Inceneritore, consuma anche oggi, domenica 12, una giornata di svago e protesta insieme. Il luogo, è quella Piana così ricca di opportunità per quanto riguarda i passaggi della fauna di stagione, rifugio di aironi e altri uccelli di quel territorio a metà fra l’acqua, la terra e il cielo che compongono un reticolo di pozze e canneti dove si forma l’habitat naturale per le grandi migrazioni e anfibi caratteristici.

lido passerini 3

In realtà, è rimasto poco di tutto ciò, come ben sanno gli abitanti della Piana, fra discarica e aeroporto e cementificazioni epocali, ma quel poco, dicono i cittadini fra un manifesto e l’altro, mentre si prepara il pranzo e si alza la voce sotto l’impatto sonoro di un nuovo aereo che atterra, va salvaguardato a tutti i costi, No Inceneritore dunque, come da anni gridano le Mamme e poi Comitati, associazioni, cittadini; no alla nuova pista allungata dell’aeroproto, un campo di atterraggio che si è ritrovato in mezzo alla città, un esempio di aeroporto urbano che “va contro tutto ciò che viene costruito ora in Europa, pensiamo a Londra”.

lido passerini 1

La giornata è lunga, la scaletta è appena cominciata: dopo il pranzo alle 13, assemblea pubblica  degli abitanti della Piana, (Firenze che resiste)  alle 15, alle 16 giochi e animazione per bambini al “Lido Passerini”. E poi, fiori, alberi e piante a volontà, da piantare sui terreni “minacciati”. Senza dimenticare la Critical mass, biciclettata partita stamattina alle 10 da via Toselli per raggiungere il presidio.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »