energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Linee 2 e 3 tramvia, ci saranno 52 alberi in più Cronaca

Firenze – Aumento del numero di piante e “ricambio generazionale” del verde: mette le mani avanti, l’assessore comunale Stefano Giorgetti nell’imminenza dei lavori per la realizzazione delle linee 2 e 3 della tramvia. Lavori che daranno parecchia “noia” alle alberature esistenti sul percorso. Ma, ricorda l’assessore ai lavori pubblici, l’80% degli alberi che si trovano sulla direttrice di via dello Statuto presenta fitopatologie, per cui l’opera di abbattimenti e reimpianti in realtà andrà, oltre che ad aumentare il numero delle piante, anche a svecchiare le stesse.

Lungo il percorso delle linee 2 e 3 saranno piantati 52 alberi in più rispetto al numero attuale, con 231 reimpianti rispetto ai 179 abbattimenti – ha spiegato Giorgetti – stiamo parlando per il momento dei percorsi lungo i cantieri già verificati, ciò significa che questo numero potrebbe aumentare. Con l’esecuzione dei lavori – ha proseguito – le alberature che si trovano attualmente lungo il percorso andrebbero incontro a danneggiamenti e dovrebbero quindi essere sostituite successivamente. Per questo il nostro piano prevede un intervento complessivo programmato, che a chiusura aumenterà il numero di piante in città e in particolare lungo il percorso della tramvia”.

Per quanto riguarda la tipologia delle alberature, si è trovato un accordo con la Sovrintendenza: si tratta di piante con 10 anni di vita, con un’altezza di 8 metri, molto più giovani rispetto alle attuali e quindi con un’aspettativa di vita in salute molto più lunga. Infine, il reimpianto del filare in via dello Statuto porterà complessivamente un miglioramento del patrimonio arboreo.

Considerando le piazze, l’assessore sottolinea un aspetto specifico. “In piazza Leopoldo e piazza Viesseux – dice Giorgetti – le alberature sono collocate solo al centro, mentre dopo i lavori saranno piantate anche sul lato degli edifici andando a creare una fascia verde tra i palazzi e la strada”.

Ancora più chiara rispetto alla necessità colta al volo con i lavori della tramvia di operare nel senso di un “ricambio” di piante è Alessia Bettini, assessore all’ambiente: “Molte delle piante che andiamo a sostituire sono vecchie e affette da patologie; nel giro di poco tempo avrebbero comunque richiesto interventi di manutenzione e sostituzione. I lavori per la tramvia sono quindi anche un’occasione per rinnovare alberature vecchie, utilizzando risorse legate agli interventi infrastrutturali che altrimenti non sarebbero state disponibili per questa attività. Il tema ambientale legato alla tramvia – conclude Bettini – va considerato nel suo complesso, a partire dall’abbattimento dell’inquinamento che avremo nel passaggio dalla mobilità attuale a quella garantita dalle due nuove linee tramviarie”.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »