energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

L’Isolotto sbriga la pratica Curiel e sogna il sorpasso nel big match Sport

Come da pronostico l’Isolotto Fondiaria sbriga la pratica Curiel, battuta in trasferta a Pontassieve tra la pioggia sul campo all’aperto col punteggio di 2-5. L’Isolotto Fondiaria resta quindi al secondo posto in classifica ma ha accorciato le distanze sulla battistrada Pelletterie Scandicci, sconfitta in casa per 1-4 dal Tripetetolo, e ora i biancorossi si proiettano sul big match di venerdì prossimo al PalaIsolotto, fischio di inizio alle 22.15, contro la capolista. Ora la distanza tra le due squadre è di soli due punti ed è inutile dire che l’Isolotto Fondiaria sogna il sorpasso.
Prima della partita tutta la squadra, non senza commozione, ha indossato una maglia dedicata a Samuele Luciani, il giocatore della formazione juniores dell’Isolotto ricoverato per una emorragia cerebrale la cui vicenda sta scuotendo tutto l’ambiente biancorosso e quello del calcio a 5 tutto.

LA CRONACA
Il primo tempo si era concluso con l’Isolotto in vantaggio per 0-3. Il tecnico Tommaso Chiappini ha lasciato fuori dal quintetto iniziale il nuovo arrivato, l’ex azzurro Andrea Bearzi, per schierare Cerezuela tra i pali e giocatori di movimento Usai, Avallone, Vincentini e Dino. L’estremo difensore biancorosso si produce in ottime parate nella fase iniziale del match, sotto la partenza veemente dei padroni di casa. Che però subiscono il gol al 15’, tiro mancino di Leone che si insacca all’angolino.
Tre minuti dopo c’è il palo di Vincentini mentre i padroni di casa hanno già esaurito il bonus dei cinque falli. Al 22’ ancora un palo colpito dall’Isolotto, stavolta con Dino. Poi al 24’ il raddoppio di Avallone, anche in questo caso un sinistro folgorante per lo 0-2.
Avallone mette dentro nel finale anche il gol del 3-0, col quale si va al riposo.

Nella seconda frazione il tecnico Chiappini riparte con Cerezuela, Bearzi, Usai, Dino e Nozzoli. I padroni di casa accorciano le distanze al 2’ con un diagonale di Cosi: 1-3. Ma qualche minuto dopo allunga le distanze ancora Avallone, poi al 25’ è Dino che mette dentro per l’1-5. E’ ancora Cosi che accorcia le distanze per i padroni di casa nel finale. E’ 2-5 ma la sostanza non cambia.

DOPOPARTITA
Ora come detto c’è lo scontro al vertice. Con il PalaIsolotto di via dei Bassi che difficilmente riuscirà a contenere i tanti appassionati che sono attesi al big-match. Dietro l’angolo c’è anche la Final Four di Coppa Toscana: il sorteggio avvenuto in settimana a Coverciano metterà di fronte l’Isolotto Fondiaria all’Arte dello Sport nella semifinale che si giocherà al Palasport di Prato giovedì 3 alle 22.15. L’eventuale finale, sempre al Palasport laniero, è sabato 5 alle 21. Ma prima c’è da giocare il big match.

“Per prima cosa siamo contenti per aver dedicato la vittoria a Samuele. Siamo contenti – ha detto il tecnico dell’Isolotto Tommaso Chiappini a fine gara – anche per come si è messa la situazione in classifica, ma soprattutto perché noi abbiamo fatto una buona prestazione, anzi ottima, in un campo all’aperto, piccolino, col freddo. Credo che la squadra ha dimostrato la consapevolezza di stare facendo qualcosa di importante. I giocatori si sono divertiti in campo, hanno giocato con serenità, e quando i ragazzi si divertono così, applicando bene tutto quello che abbiamo sperimentato in settimana, è una soddisfazione e un piacere vederli giocare. L’arrivo di Bearzi? La società ha colto l’occasione, ha avuto la determinazione di aggiungere un giocatore del genere alla nostra rosa, e al di là dell’aspetto tecnico e delle sue doti che tutti conoscono, gli ho chiesto di portare al gruppo una mentalità da professionista, di trasmettere le giuste esperienze e sensazioni, e questo oggi l’ha già fatto, si è messo a disposizione ed è quindi un innesto che alza complessivamente la qualità del nostro gruppo”.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »