energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Lo screening mammografico salva la vita STAMP - Salute

Nella sola Firenze lo screening mammografico ha aiutato a ridurre del 40% circa i decessi dovuti a tumore della mammella fra le done di età compresa fra i 50 ed i 70 anni. In Toscana il programma di screening mammografico è attivo dal 1990 e, come spiegato dall'assessore regionale al Diritto alla salute, Luigi Marroni, ha fatto registrare "importanti risultati". Ogni anno circa 1.000 donne di età compresa fra i 50 ed i 70 anni si sottopone allo screening mammografico di cadenza biennale 7-9 di esse si salvano la vita grazie a quest'analisi. Senza screening mammografico ben 67 donne su 1.000 si potrebbero ammalare ogni anno di tumore alla mammella, mentre in 4 casi su 1.000 l'esame produce una sovradiagnosi o dei falsi risultati. Si tratta, tutto sommato, di un effetto collarale accettabile in confronto al numero delle vite salvate ogni anno grazie all'esame mammografico. Per questo la Toscana ha deciso di continuare ed anzi rafforzare il servizio di screening attualmente attivo. L'analisi del seno, come testimoniato da uno studio dell'Ispo (Istituto per lo studio e la prevenzione oncologica), riduce infatti la mortalità femminile per tumore al seno.

Foto: http://www.saporiericette.blogosfere.it

Print Friendly, PDF & Email

Translate »