energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Lo stile Sangallo di Ermanno Scervino Società

Pitti Immagine Bimbo, il più importante evento del childrenswear, quest’anno alla sua 75esima edizione, torna con tutte le novità della moda bambino per la primavera estate 2013.
Su una superficie espositiva di 47.000 metri quadrati andrà in scena una kermesse imperdibile su tutto ciò che fa moda e tendenza nel settore, con sfilate e stand espositivi e la presenza di oltre 500 marchi.
Fra i protagonisti Ermanno Scervino, fondatore con Ermanno Daelli dell’azienda omonima nata dall’incontro tra la creatività e le attitudini manageriali dei due soci. Nel giro di un decennio il brand ha ottenuto un successo enorme ed ha chiuso il 2011 con un fatturato di 93 milioni di euro, con un quota export del 60% di cui il 22% realizzato nell'area dell'Est Europa.
Molte le scelte vincenti di Scervino, non ultima l’aver acquistato un maglificio vicino a Firenze nel 2003, momento in cui le altre aziende sceglievano di “de localizzare” per trovare mano d’opera più competitiva. Così come la scelta della sede aziendale di Grassina, settemila metri quadri nella campagna vicino a Firenze, a voler sottolineare che il successo dello stile Ermanno Scervino è il risultato di un perfetta armonia tra creatività e ricerca all’interno di una storia tutta italiana che interpreta in modo contemporaneo la tradizione artigianale del made in Italy.
Lo spazio fiorentino nel tempo è divenuto un vero e proprio polo di ateliers, riuniti per elaborare in piena autonomia le varie collezioni e legare indissolubilmente il "made in Florence" a tutta la produzione: i diversi ateliers, così come gli uffici, sono centralizzati in un enorme edificio ultramoderno in cui Scervino controlla la lavorazione di ogni pezzo fin nei minimi dettagli. Dai disegni alle prime prove, fino alla preparazione e messa in scena delle collezioni.
ll dinamismo che alimenta la ricerca creativa è il motore trainante della strategia aziendale anche per la linea Junior, rivolta al target dei piccoli dai due ai quattordici anni,  e che ben rappresenta i valori del marchio: la continua interazione tra conoscenza e sperimentazione, artigianato d'eccellenza e innovazione.


ESJ_SS13_foto3.jpgA Pitti Scervino presenterà capi segnati dal sangallo, il vero protagonista della sfilata: chiodi in tessuto tecnico, abiti/caftano in cotone misto lino e dettagli in crepò, espadrillas, tutti in pizzo o con applicazioni macramè. Ancora pizzo per i jeans leggeri ultra delavati che diventano azzurro cielo, per abiti, chemisier, tute e, a segnarne il ritorno, camicie in jeans.
Il jeans si declina in questa collezione anche nella tonalità del grigio, con lavaggi stonewash e rotture resi couture da interventi di pizzo macramè bianco a contrasto. Revival anche per l'oxford, non solo per camicie ma anche per abiti, gonne e pantaloni, mosso da ricami a intarsio taglio a vivo di ispirazione etnica. Mentre le maxi t-shirt diventano abiti e il jersey si nobilita attraverso inusuali mix di texturè, applicazioni di pizzi valenciennes sfumati, di plissè e di macro Sangallo che, insieme, creano nuove forme e volumi ispirate agli anni ’60.
Colori dominanti il blu royal, il grigio perla, il bianco e l'ecrù, ma anche giochi di stampe, micro pois e disegni pizzo macramè su jersey e garze di cotone nei toni del blu royal. Tutto per una moda vista con gli occhi di un bambino.

Giovanna Focardi Nicita

Print Friendly, PDF & Email

Translate »