energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

L’omaggio di Eddie Vedder a Franco Zeffirelli Foto del giorno

Firenze – Pubblico in delirio ieri sera per il concerto di Eddie Vedder alla Visarno Arena nella terza giornata del festival Firenze Rocks. Il frontman dei Pearl Jam è particolarmente affezionato al pubblico fiorentino dopo la grande intensità della performance di due anni fa sullo stesso palco. E lo ha dimostrato non solo con una prestazione di altissimo livello da musicista e da cantante ma anche a parole e negli scambi di battute con gli spettatori vicini al palco.

Due ore di rock e di ballate di grande qualità con la gente che cantava con lui i pezzi più noti della band americana che Vedder ha reinterpretato in a solo di tale energia fisica, ritmica e vocale che sembrava che sul palco vi fossero anche tutti i suoi compagni.

Il concerto si è aperto con Cross the River al piano, pezzo scelto dal cantante per rompere la sincera emozione che ha confessato. Per seconda ha scelto “Elderly Woman Behind The Counter in A Small Town”, pezzo dei Pearl che ha sciolto il ghiaccio coinvolgendo gli appassionati. Che dopo si è entusiasmato per Porch, Alive e Black. Insieme al potente cantante irlandese Glen Hansard il cui concerto lo ha preceduto sul palco, Vedder ha eseguito Society. Fra le cover Should I stay or Should I go dei Clash, e Brain Damage dei Pink Floyd.

Ad accompagnare la rock star il quartetto olandese Red Limo String Quartet che ha eseguito Alive. Momenti di particolare emozione sono stati gli omaggi a Tom Petty (Wildflowers) e a Franco Zeffirelli (Just Breathe) il grande regista scomparso poche ore prima del concerto che si è concluso  con Rockin in the Free World. L’anno prossimo Vedder tornerà con i compagni della band di Seattle.

Nella foto: Glen Hansard che ha accompagnato il concerto di Eddie Vedder

Print Friendly, PDF & Email

Translate »