energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

L’opera e la figura di Andrea Lippi in una giornata di studio Notizie dalla toscana

Alle 17.30 nella sala Gatteschi della Biblioteca Forteguerriana si svolgerà una Giornata di studio su Andrea Lippi organizzata dal Centro di documentazione sull’arte moderna e contemporanea pistoiese (di cui fanno parte Comune, Provincia e Cassa di Risparmio di Pistoia e Pescia) con il contributo della Regione e la collaborazione amministrativa della Fondazione Jorio Vivarelli. L'appuntamento, informa la nota del Comune di Pistoia, rientra nell'ambito delle iniziative legate alla mostra “Andrea Lippi disegni. Strane fantasie, ignoti desideri, pallide visioni, sogni, chimere” allestita nelle Sale Affrescate di Palazzo Comunale. La giornata di studi vuole essere un’occasione per avvicinarsi all’opera di questo scultore attraverso i contributi di studiosi di varie aree disciplinari: storia dell’economia e delle attività produttive del territorio in cui operò l’azienda di famiglia, la Fonderia Lippi, e in cui si formò il giovane; storia dell’arte e iconografia; conservazione e restauro. Una visione a tutto campo per riconnettere la figura e l’opera di Andrea Lippi a un tessuto vasto di relazioni artistiche e culturali, intessute ben oltre i confini del territorio cittadino nel più ampio contesto del simbolismo italiano ed europeo.
Il programma prevede alle 10 il saluto delle autorità e l'introduzione di Carlo Sisi, direttore del comitato scientifico del Centro di documentazione sull'arte moderna e contemporanea pistoiese, già direttore della Galleria di arte moderna di Palazzo Pitti.
Alle 10.30 Rosanna Morozzi, studiosa delle opere di Lippi, parlerà di “Andrea Lippi. L'inferno e il limbo”, dopodiché Andrea Ottanelli, esperto di storia locale e autore di un volume sulla fonderia Lippi, discuterà su  “La Fonderia Lippi. La fusione artistica a Pistoia nell’epoca delle arti applicate”.
Seguiranno gli interventi di Maria Cristina Masdea funzionario per la Soprintendenza per i beni architettonici, paesaggistici, storici, artistici ed etnoantropologici di Firenze, Pistoia e Prato e  Julie Guilmette restauratrice dei disegni di Lippi,  su “Il restauro dei disegni di Andrea Lippi della Biblioteca Forteguerriana di Pistoia. Problemi e soluzioni adottate”.
Tra le 12.30 e le 15.30, dopo la pausa pranzo, si svolgerà una visita alla mostra di Lippi nelle Sale Affrescate di Palazzo Comunale cui seguirà una visita alla gipsoteca dedicata ad Andrea Lippi nei locali del liceo artistico “Petrocchi”.
Alle 15.30 Annamaria Iacuzzi, curatrice scientifica della mostra su Lippi, parlerà di “Meravigliosi rotoli di disegni: il fondo dei disegni di Andrea Lippi. Silvio Balloni, critico letterario, affronterà il tema “Iconografia letteraria del Simbolismo in Toscana”. Chiuderà gli interventi Carlo Sisi discutendo su “Il Simbolismo in Italia. Temi ed immagini da una mostra recente”.
Per ulteriori informazioni è possibile telefonare a PistoiaInforma al numero verde 800-012146.

Andrea Lippi (Pistoia 1888-1916) nato all’arte negli ambienti della fonderia di famiglia, importante realtà nazionale e internazionale per la fusione artistica in bronzo tra la fine dell’Ottocento e i primi del Novecento, ebbe una breve avventura artistica, segnata da isolate ma importanti presenze espositive: alla Biennale veneziana nel 1912 e nel 1914, alla mostra della Secessione romana, nello stesso anno. Tra i riconoscimenti più prestigiosi una borsa di studio per Pensionato Artistico romano; i premi del concorso per le celebrazioni della caduta e riedificazione del Campanile di San Marco a Venezia (1910) e del concorso Curlandese di Bologna (1915); l’acquisizione di sue opere da parte del celebre collezionista romano Angelo Signorelli e del Re Vittorio Emanuele III.
 

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »