energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Lotta all’evasione fiscale, nel mirino i “compro oro” Cronaca

 Negli ultimi giorni le fiamme gialle fiorentine hanno fatto scattare diverse verifiche fiscali contro i negozi chiamati «compro oro». Tra il capoluogo toscano e la vicina Campi Bisenzio, sono stati in tutto 4 gli esercizi beccati a evadere le tasse.
In totale i finanzieri hanno accertato 2,9 milioni di Iva non versata e 630.000 euro di ricavi non contabilizzati.

L'operazione nasce dal progetto nazionale del Nucleo Speciale Entrate della Guardia di Finanza nel settore dei «compro oro». Negozi questi che acquistano e vendono oggetti preziosi usati.
L'evasione è stata compiuta grazie a un regime fiscale Iva agevolato. I «compro oro» infatti posso solo comprare ogget ti nuovi, usati o «avariati», per poi rivenderli al pubblico, a fonderie o ad altri tipologie di commercianti. Non possono invece acquistare «oro da gioielleria» e cederlo dopo averlo lavorato o addirittura fuso. Per fare ciò è necessario comunicarlo alla Banca d'Italia e ed essere iscritti all'apposito albo degli operatori professionali.

Obblighi questi non rispettati dai quattro negozi finiti nei guai. Vendere semplicemente l'oro, o farlo dopo averlo lavorato, ha infatti una grande differenza per il fisco perchè comporta un differente regime d'Iva. Questi esercizi hanno quindi versato importi inferiori a quelli dovuti e incassato grosse quantità di denaro, in un caso oltre 300.000 euro in un mese, senza averlo regolarmente contabilizzato.
Nei prossimi giorni e settimane la Guardia di Finanza proseguirà con intense verifiche fiscali nei molti «compro oro» presenti sul territorio toscano.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »