energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Lotta contro l’Isis, Hollande vola a Mosca per colloquio con Putin Cronaca

Roma – Stamattina il premier francese, che ha già incontrato Cameron, Obama e Merkel,  ha ricevuto Renzi all’Eliseo. La prossima  tappa di Hollande, per chiedere agli stati il rafforzamento della lotta contro lo Stato Islamico e maggiore coordinamento e cooperazione contro il terrorismo jihadista, è a Mosca con il leader Putin.

Prosegue la missione diplomatica del presidente francese Hollande dopo gli attentati dell’Isis a Parigi del 13 novembre, nei quali sono state uccise 130 persone e ferite 350 (di cui 99 in gravi condizioni). Hollande è stato   ricevuto nei giorni scorsi da Obama il quale si è espresso definendo “gli attentati di Parigi un attacco al mondo intero”, “un attacco all’idea che popoli di diverse origini possano vivere insieme, in pace”. Ieri sera Hollande ha incontrato la cancelliera tedesca Angela Merkel la quale che ha assicurato che la Germania sarà implicata in modo più netto nelle operazioni internazionali, in particolare nel Mali, per permettere alla Francia di dispiegare le sue forze su altri scenari operativi.
Questa mattina Hollande ha ricevuto al’Eliseo il presidente del Consiglio italiano Matteo Renzi, per poi partire per Mosca per un colloquio con Vladimir Putin che verterà  sulle misure antiterrorismo e del coordinamento della lotta contro lo Stato islamico.

Hollande e Obama hanno concordato sull’opportunità di non inviare militari in Siria, ma di intensificare i bombardamenti. “La Francia non interverrà a terra, accompagneremo le forze locali, che accompagniamo già da diversi mesi  e permetteremo a queste forze di operare”, ha detto il presidente francese, riferendosi ai raid aerei condotti dalla coalizione antijiahdisti.

Hollande si è recato insieme alla Merkel a Place de la Republique per rendere omaggio alle vittime degli attentati di Parigi del 13 novembre. Nel corso della conferenza stampa con la Merkel, Hollande ha ribadito la sua intenzione di “colpire Daesh (l’Isis) al cuore” e ha chiesto alla Germania di fare di più nella lotta contro l’Isis, in Siria e in Iraq: “Farò molta attenzione a ciò che avrà da dire il Cancelliere a riguardo, sapendo quali siano le regole che esistono in Germania sugli interventi all’estero”, ha aggiunto il presidente francese, alludendo alla necessaria autorizzazione del Parlamento. La cancelliera tedesca ha promesso al presidente francese che il suo Governo agirà “rapidamente” nella lotta contro il terrorismo jihadista.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »