energee3
logo stamptoscana
Edizioni Thedotcompany

Lucca, per l’affaire Remaschi si riunisce la direzione provinciale del Pd Breaking news, Politica

Lucca – Il problema è sorto a Lucca, e a Lucca sarà risolto. Il disbrigo della faccenda Remaschi sarà preso in mano dalla direzione provinciale del Pd e dai circoli del partito. A dirlo, il commissario del Pd comunale Stefano Bruzzesi e il segretario territoriale Patrizio Andreuccetti. Sarà il confronto con gli iscritti, come dichiara un emozionato Remaschi, a decidere del suo futuro politico. Intanto, per ora almeno, dice l’assessore regionale, non ha ancora incontrato Enrico Rossi, che al momento del suo rientro (quando la bagarre è scoppiata, l’assessore era in Olanda per ragioni riguardanti il suo impegno istituzionale), era a Roma. In ogni caso, è una poltrona che si fa bollente, quella di Marco Remaschi, dopo la conferenza stampa in cui l’ex-candidato del centrodestra Remo Santini ha divulgato una telefonata ricevuta dallo stesso esponente del Pd nel corso del ballottaggio che lo vedeva opposto al candidato del centrosinistra Alessandro Tambellini, in cui l’assessore della giunta regionale adombrava il suo aiuto all’avversario. Una telefonata che voleva essere uno scherzo, dice ora l’assessore, e che era stata fatta anche con l’intento di “sparigliare”  la compagine avversaria rafforzandola nella convinzione di avere in tasca la vittoria. Che è invece andata a Tambellini, per poco più di 300 voti. In ogni caso, sarà nelle assemblee dei circoli di partito che l’assessore si confronterà con gli iscritti al Pd. Del resto, lo stesso Orlando, ricorda Bruzzesi, si è dichiarato garantista, e ha detto, a Empoli, che Remaschi dovrà spiegare. Dunque, basta a “gogne mediatiche” e a “Robespierre che vogliono tagliare le teste”. “Non è il nostro metodo”, sottolineano  il segretario comunale e e quello territoriale Andreuccetti. 

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »