energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Lucchini, gli operai occupano la Fortezza del Rivellino Economia

Lavoratori della Lucchini e i rappresentanti sindacali hanno occupato stamani la fortezza del Rivellino a Piombino in quella che si annuncia come un'occupazione a oltranza in difesa dei lavoratori e per ottenere garanzie sulla prosecuzione dell'attività delle acciaierie.
Il significato della manifestazione lo spiega il sindaco Gianni Anselmi: "Questa mattina alle 7 ho consegnato ai lavoratori le chiavi del Rivellino. E' stato aperto un presidio permanente che non sarà sciolto finchè il sindacato non avrà ricevuto garanzie sulla prosecuzione della vita dell'altoforno di Piombino". Anselmi, oggi a Roma per questioni riguardanti il porto, nel pomeriggio rientrerà in Toscana e si unirà all'occupazione. "Dopo 565 anni – ha concluso il sindaco – c'è un nuovo assedio da respingere, quello al lavoro".

Sulla stessa linea Fausto Fagioli, segretario della Fim Cisl che insieme agli operai si trova da questa mattina sul Torrione: "Non ci muoveremo da qui fino a quando non riceveremo la convocazione ufficiale da parte del Ministero dello Sviluppo Economico, vogliamo essere coinvolti rispetto quello che dovrà essere il futuro dell’industria dell’acciaio nella nostra città. Vogliamo capire quali sono le reali prospettive che il commissario Nardi e il Governo hanno su Piombino. La chiusura dell’area a caldo, senza aver già da subito predisposto un piano industriale per il futuro di Piombino sarebbe un dramma, si perderebbero in un solo colpo più di mille lavoratori diretti e altri quattrocento nell’indotto, non ce lo possiamo permettere. Bisogna mantenere l’altoformo acceso fino a fine campagna o almeno finché non ci sia in pista un progetto alternativo concreto che garantisca tutti i lavoratori e la produzione".

Insieme ai rappresentanti dei sindacati Fim, Fiom e Uilm, anche i lavoratori della Lucchini prendono parte al presidio raggiungendo la fortezza alla fine di ogni turno.

Foto da CgilLivorno

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »