energee3
logo stamptoscana
Edizioni Thedotcompany

Luce intelligente: il contatore Enel compie dieci anni! STAMP - Azienda

La cerimonia si è svolta al numero 12 di via Hermada, nel quartiere Porta a Lucca, nel palazzo in cui fu installato il primo contatore elettronico, alla presenza del sindaco di Pisa Marco Filippeschi, del responsabile Enel della zona di Pisa Iliano Tempesti e del presidente Anse Toscana (Associazione Nazionale Seniores Enel) Laurentino Menchi.
La città fu infatti la prima al mondo in cui Enel Distribuzione installò un contatore elettronico dando vita ad un progetto strutturale fortemente innovativo che ha aperto una nuova fase tecnologica e prospettato importanti soluzioni per lo sviluppo sostenibile del nostro pianeta.
Proprio mediante la tecnologia propria del contatore elettronico, che è divenuta  quella di base per la mobilità elettrica e per le Smart Grids, le reti “intelligenti” in grado di fare interagire produttori e consumatori, l’energia elettrica si è attestata come uno dei maggiori vettori per il miglioramento ambientale. Determinante anche per il raggiungimento degli obiettivi europei  “20-20-20” che prevedono, entro il 2020, la riduzione del 20% delle emissioni di gas serra rispetto ai livelli del 1990, l’aumento del 20% dell’efficienza energetica ed una provenienza dell’energia elettrica per almeno il 20% da fonti rinnovabili.
Dal 2001 Enel ha installato, a Pisa e provincia, 256.750 contatori elettronici basati su sistema di telegestione e telecontrollo originale che permette di monitorare in remoto ogni apparecchio installato, controllare a distanza i consumi, le interruzioni e la tensione, rispondere in tempo reale a quesiti e problemi dei clienti senza dover realizzare interventi in loco, ed espletare le operazioni relative alla fornitura di energia elettrica come allacci e cambi di potenza.
Solamente nel 2010 nella provincia di Pisa, sono state eseguite 123.700 operazioni in remoto, cifra che dà l’idea della portata del cambiamento rispetto al precedente apparecchio elettromeccanico che poteva esclusivamente misurare i consumi letti poi periodicamente.
Trascorsi dieci anni la città si conferma comunque all’avanguardia per essere una delle tre città pilota, insieme a Roma e Milano, del progetto “e-mobility Italy”, di Enel e Smart, gestito dal gruppo Siemens.
Un programma di elettromobilità verde per la sostenibilità ambientale e la realizzazione di servizi per rifornimenti ed infrastrutture che si sta estendendo anche ad altre città come Bologna.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »