energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

L’ultimo treno dell’Isolotto porta a Città di Breganze Sport

Partita da dentro o fuori con un solo risultato utile a disposizione, la vittoria. Facile la definizione del match Città di Breganze-Isolotto, penultima giornata della regular season del Girone A del campionato di serie A di calcio a 5 (domenica, fischio di inizio ore 16). L’Isolotto deve vincere per raggiungere in classifica le padrone di casa e poi dare un’occhiata alla graduatoria ed eventualmente giocarsi il tutto per tutto nell’ultima giornata casalinga domenica 24. Le venete vincendo si guadagnano l’accesso matematico ai play-off scudetto, ma anche un pareggio le condannerebbe probabilmente a stare fuori dalle migliori quattro. Simili gli score tra le due squadre: 77 gol fatti per il Breganze, 75 quelli dell’Isolotto, che però ne ha subiti 50 contro i 44 delle padrone di casa. All’andata finì 5-5, dopo una partita spettacolare, con l’Isolotto che non l’aveva chiusa inizialmente e che poi ha rimontato nel finale.

QUI FIRENZE
“Veniamo da tre vittorie consecutive – dice il vicecapitano Valentina Rosini – e ci crediamo. Siamo cariche a mille anche se in settimana abbiamo dovuto annullare un allenamento per l’influenza. Vogliamo vincere anche perché poi nell’ultima giornata di campionato avremo una partita speciale, quella col Sinnai della campionessa del Mondo Lucileia e neovincitrice della Coppa Italia, dove vorremmo il PalaIsolotto pieno e magari sarebbe meglio giocarla dopo essere già qualificati o comunque ancora in corsa per l’obiettivo. In ogni caso è inutile fare calcoli. Prima dobbiamo vincere a Vicenza”.
Oltre alla situazione legata all’influenza si cerca di recuperare Martina Barsocchi, reduce da un intervento chirurgico ambulatoriale in settimana. Qualche acciacco anche per Cary.

QUI VICENZA
Il Breganze dovrà fare a meno della brasiliana Vanessa Demori che ha momentaneamente lasciato la squadra per questioni personali, anche se è pronta a riprendere il suo posto in caso di play-off. “Un’assenza pesante – spiega il tecnico Turcato – che sto cercando di mitigare immettendo di volta in volta in rosa giovani del vivaio”. Tra le fila delle venete Manuela Nicoli ha segnato 24 reti ed è la quarta miglior realizzatrice del girone, seguita da Jessica Troiano a 19.

COSI’ ALL’ANDATA
Assente Cary nelle fila dell’Isolotto ne è venuto fuori un rocambolesco 5-5 con alternanza di emozioni ed entrambe le squadre che avevano perso il treno giusto in due momenti diversi della partita per portarsi a casa la posta piena. L’Isolotto dopo aver rimontato lo svantaggio iniziale ed essersi portato avanti per 2-1 e con l’inerzia del match favorevole, ha subito il gol che ha rimesso in partita le ospiti a 20” dalla fine del primo tempo. Le venete dal canto loro erano andate avanti per 5-3 nella ripresa e hanno subito la rimonta delle indomite gigliate e in particolar modo il gol del 5-5 a pochi secondi dalla fine, e dopo che il tecnico Turcato aveva chiamato time-out, per un tiraccio della disperazione di Fernandez passato tra una selva di gambe. Le reti erano state firmate nell’ordine: da Troiano per le venete, da Fernandez, poi da Maione (che aveva toccato sulla linea il tiro di Salesi) e ancora da Troiano a 20” dalla fine del primo tempo. Nella ripresa Fernandez segnava il 3-2, poi i tre gol consecutivi del Breganze con Troiano, con Nicoli e ancora con Nicoli. Poi il forcing dell’Isolotto che andava a segno con Galluzzi infine il gol di Fernandez nei secondi finali.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »