energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Lunedì dell’Angelo, a Vaglia la commemorazione dell’eccidio di Morlione‏ Cronaca

Vaglia (Firenze) – Cesare Paoli, Savino e Giovanni Biancalani, Silvio Rossi, Gabbriello Mannini, Aurelio e Fortunato Sarti sono i nomi dei morti dell’eccidio di Morlione che anche quest’anno saranno ricordati dal Comune di Vaglia, il Lunedì dell’Angelo, 6 aprile, con una messa nella Chiesa di Cerreto Maggio e la deposizione di una corona al monumento ai caduti realizzato dal ceramista e scultore Marcello Fantoni. E’ un lunedì di sangue il 10 aprile del 1944, giorno dopo Pasqua. Da Firenze parte un rastrellamento con un grande impiego di forze con l’obiettivo di colpire coloro che avevano aiutato la Resistenza sul Monte Morello e nei dintorni. Alle truppe tedesche specializzate contro i partigiani si unisce parte della divisione Goering, 50 soldati repubblichini e 577 militi della Guardia Nazionale Repubblicana. Dopo aver colpito gli abitanti di Cercina, arrestati quelli che assistevano alla messa, uccisi i sei giovani e il dottor Brunetto Fanelli, l’azione si spinge a Ceppeto e poi a Morlione, sull’altro versante della montagna. Silvio Rossi boscaiolo originario di Cerreto Maggio sarà ucciso nel suo capanno nei pressi di Ceppeto. A Morlione cadono i coloni Fortunato Sarti e Aurelio Sarti, Savino Biancalani e Giovanni Biancalani e Cesare Paoli e il guardiacaccia Gabbriello Mannini, le loro case date alle fiamme.
Chiesa di Cerreto Maggio, Foto di Tommaso Nardi
Print Friendly, PDF & Email

Translate »