energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

L’Università di Firenze si mobilita contro le alluvioni STAMP - Università

I ricercatori del Dipartimento di Scienze della Terra dell'Università degli Studi di Firenze sono impegnati, in questi giorni, nella valutazione delle condizioni di rischio nelle zone colpite dall'alluvione in Lunigiana. A coordinare le operazioni del gruppo di ricerca che studia il diossesto idrogeologico delle Cinque Terre, della Lunigiana e della Val di Vara ci sono i professori Nicola Casagli, Sandro Moretti, Filippo Catani e Riccardo Fanti. Gli studiosi dell'Ateneo fiorentino si coordinano, nelle loro operazioni, con la Protezione Civile. Dati i recenti eventi della Lunigiana, l'incontro che si terrà il 4 novembre nell'Aula Magna del Rettorato fiorentino di piazza San Marco alle ore 10:00, assume ancor più significato. L'incontro, intitolato "La difesa delle alluvioni", è stato organizzato dal DICEA (Dipartimento di Ingegneria Civile e Ambientale) e dal CERAFRI (Centro per la Ricerca e l'Alta Formazione per la Prevenzione del Rischio Idrogeologico) ed avrà come tema i rischi di alluvione a Firenze e la difesa dall'invasione delle acque nel caso si verificassero precipitazioni eccezionali come quelle che, in questi giorni, hanno devastato la Lunigiana. Il primo piano di Protezione Civile della città di Firenze venne pubblicato nel 1986, a vent'anni esatti dalla devastazione della città ad opera dell'alluvione del 1966. Il piano fu il primo in Italia e venne redatto dalla Prefettura fiorentina e dall'Ateneo della città per studiare le attività di soccorso ai cittadini e di tutela dei beni culturali in caso di esondazione dell'Arno. Interverranno all'incontro Giuseppe Zamberletti  ed Elvezio Galanti (Dipartimento di Protezione Civile di Firenze), Valentino Federici (DICEA-CERAFRI), Ignazio Becchi (DICEA), Giovanna Seminara (Accademia dei Lincei), Alberto Tesi (Rettore dell'Università degli Studi di Firenze), Paolo Padoin (Prefetto di Firenze), Eugenio Giani (presidente del Consiglio comunale di Firenze), Renzo Crescioli (assessore della Provincia di Firenze), FrancoGabrielli (Dipartimento della Protezione Civile nazionale) eMarcello Brugioni (Autorità di Bacino del Fiume Arno).

(Foto: Il centro di Vernazza devastato dal fango, www.protezionecivile.gov.it)

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »