energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

L’uomo conduce, la donna seduce Rubriche

Per alcuni, il ruolo della donna è quello di seguire. Penso che esista una grandissima differenza fra seguire e ballare, poi che è anche una questione di scelta: alcune donne possono scegliere di seguire e basta, senza dare alcun tipo di contributo al ballo, dipenderà anche della personalità di ognuno. Altre invece ballano. Ma questo succede anche agli uomini; ci sono quelli che guidano e basta e altri invece che ballano. E' sempre una questione di scelta e di personalità.
Credo che tutte le donne hanno avuto l'esperienza di ballare con qualcuno che ha una sequenza prestabilita. Forse la prima volta che balli non te ne accorgi, ma la seconda sicuramente metti il pilota automatico, perché ormai hai gia memorizzato la sequanza. Ma in questo modo il tango perde il suo incanto, diventa una comunicazione unilaterale, dove l'uomo comunica ma non ascolta. Non è infatti soltanto la donna che deve ascoltare l'uomo, ma anche viceversa. L'uomo deve sentire la donna, il suo peso, la sua posizione, e dosare l'input del suo passo a lei. Se manca questo ascolto ed adattarsi dell'uomo, la donna sente subito che vi è una mancanza di rispetto nei suoi confronti ed una ricerca di ballo egoistico. Credo non sia diverso per l'uomo sentire quando una donna segue meccanicamente e invece quando è presente, partecipa, contribuisce e mette la piena espressione della sua personalità. A volte succede che le donne usano anche l'adorno in modo meccanico, proprio l'adorno che dovrebbe essere usato come modo di esprimere il proprio ballo. E' come se avessero imparato a metterlo dopo un determinato passo, e in modo indipendente da quello che chiede la musica. Fatto il passo mettono l'adorno, che tante volte non c'entra niente.
Credo che quando uno è principiante, sia piu facile per l'uomo poter seguire una coreografia. Come insegnante penso che sia molto sbagliato imparare il tango così, ma posso anche capire che forse l'uomo si sente piu sicuro. Dall'altra parte, la donna è preoccupata a sentire la guida per il fatto che ancora non ha tanta sensibilità, e alla fine segue e basta. Posso capire questa situazione al'inizio, però si deve stare attenti. Una volta presa un po' di sicurezza, uno dovrebbe creare il suo stile e il suo modo di ballare, così avrà tanto più piacere. Il tango è un'autoespressione, dobbiamo sfruttare questa possibilità di esprimerci, perché questa è la parte piu bella del tango,. Altrimenti si potrebbero ballare altri balli che hanno la coreografia prestabilita.
Uomo e donna hanno bisogno di un accordo per far funzionare il tango, e questo si puo avere soltanto se si accettano le regole, ossia che è l'uomo a condurre e a proporre. Questo per la donna non vuol dire essere sottomessa: entrambi hanno bisogno l'uno dell'altro. Il lasciarsi portare è attivo, vuol dire porre a disposizione la propria sensibilità con lo scopo che riesca bene il tango…. Per goderne e per accompagnare l'uomo in ciò che vuole fare.
 La relazione uomo donna è una relazione attiva, reciproca, basata sull'ascolto reciproco. L'abilità della donna di esprimensi nel tango favorisce anche l'espressione dell'uomo, che non si sente limitato, ma gratificato dalla partecipazione e dalla presenza creativa dalla donna negli spazi che le concede.

immagine: http://www.circoru.org/BUFFET/?cat=6

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »