energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Lutto nel mondo del ciclismo: è morto il Ciollino Sport

Si è spento ieri a Firenze, dopo una lunga malattia, Emilio Ciolli ex corridore professionista di ciclismo degli anni 1950-1960. “Ciollino” come era chiamato dagli amici era nato il 27 gennaio 1933 a Figline Valdarno.
Le prime vittorie nella Società fiorentina “Titti” da allievo, quindi nel 1952 dilettante. Corridore eclettico plurivitorioso e più volte azzurro (il suo successo più importante nel 1952 la Milano-Rapallo di 230 km. alla media di 41,600 battendo i più forti dilettanti del momento).
  Professionista dal 1955 al 1964. Difese i colori della Ignis, Frejus e Legnano. Ha disputato alcuni Giri d’Italia, con il fratello maggiore Marcello, e, nel 1962, anche il Tour de France accanto a Imerio Massignan.
Una carriera consumata a fianco di grandi campioni (anche dello spagnolo Poblet), onorata da eccellenti risultati e dal grande aiuto che dava sempre al proprio capitano. Da professionista, tanti piazzamenti di prestigio ed una sola vittoria : il G.P. Saca a Pistoia (correva nella Ignis).
   La salma si trova esposta nella cappella della Misericordia di Badia a Ripoli. I funerali giovedi alle ore 10 presso la Cappella di Ponte a Ema (si trova vicino al Museo di ciclismo Gino Bartali).
  Alfredo Martini lo ricorda così : “Ragazzo sereno, amante del ciclismo, corridore generoso, brillante. Apprezzato dal gruppo per le qualità di corridore e rispettato dagli avversari per la sua lealtà e La sua simpatia”.

Foto: cyclingarchives.com

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »