energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

“Madonna che silenzio c’è stasera”, riscopriamo Francesco Nuti Cinema

Questa sera, lunedì 5 maggio alle ore 20.30, al Cinema Odeon si terrà la proiezione del film “Madonna che silenzio c'è stasera”, alla presenza di Francesco Nuti. L'evento, realizzato in collaborazione con Cecchi Gori Home Video, è un omaggio al genio del regista e attore toscano a trentadue anni di distanza dall'uscita del film che lanciò il suo talento comico in tutta Italia.

Per l'occasione il film sarà proposto in versione restaurata e parte dell'incasso sarà devoluto in beneficenza all'Anffas (Associazione Nazionale Famiglie di Persone con Disabilità Intellettiva e/o Relazionale). Alla serata parteciperà anche il regista del film, Maurizio Ponzi.

La pellicola, pietra miliare della commedia italiana degli anni Ottanta, racconta la storia di Francesco, giovane e stralunato disoccupato di Prato, che inizia la sua giornata cercando di liberarsi dalle grinfie della madre, una donna a dir poco possessiva, e continua girovagando tra le fabbriche tessili in cerca di lavoro. La ricerca si rivela senza frutto, mentre una galleria di personaggi improbabili gli si para davanti: il Magnifico, un tale che ha conosciuto suo padre prima che sparisse; un bambino che si dice orfano che lo coinvolge in stupide marachelle; una ragazza di strada, che punta a fregargli un po’ di quattrini. Oltre alla ricerca di un impiego, quello che affligge Francesco è anche l’amore perduto per la bella Maria, che sta tentando invano di riconquistare.

Da martedì 6 maggio “Madonna che silenzio c'e' stasera” sarà in vendita per la prima volta nella versione Dvd e Blue-Ray Disc, distribuito da Cecchi Gori Home Video/Mustang Entertainment su licenza Minerva Pictures. L’edizione del film è impreziosita da interviste esclusive e inedite: “Noccioline al circo” Intervista a Leonardo Pieraccioni; “Miracolo a Prato” Intervista a Giovanni Veronesi;“Sulle tracce del film” Interviste a Giovanni Nuti, Claudio Moradei, Marcello Becattini, Claudio Casale.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »