energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Maggio Musicale Fiorentino: poca fiducia nella direzione della fondazione Notizie dalla toscana

Il presidente della Provincia di Firenze, Andrea Barducci, ha risposto oggi, in Consiglio provinciale, alle interrogazioni della Lega Nord e di Rifondazione Comunista relative al Maggio Musicale Fiorentino. L’incontro fra Comune di Firenze, Provincia e Regione Toscana, ha spiegato Barducci, ha consentito di approfondire le problematiche legate alla sottoscrizione di un protocollo d’intesa che preveda il consolidamento e l’incremento del contributo pubblico per il Maggio. L’accordo, ha concluso Barducci, è praticamente definito e sarà un contributo ulteriore al consolidamento del Maggio. «Quest'accordo non ci sarebbe stato se non ci fosse stato un atteggiamento responsabile delle forze sindacali e dei lavoratori», ha spiegato il consigliere provinciale Andrea Calò (Rifondazione Comunista).  «Sulla vertenza – ha continuato –  si è assistito ad un vero e proprio far west con la repressione dei diritti sindacali. Non ha brillato, il Comune, nella performance per il Maggio. Il lavoro non può essere rottamato. La Provincia deve richiedere a chi dirige il Maggio, alla Sovrintendente Colombo, un altro e alto profilo di responsabilità sociale. Noi non ci fidiamo di chi dirige la Fondazione». Dello stesso avviso Marco Cordone (Lega Nord), secondo il quale la Provincia dovrà intervenire per garantire ai lavoratori del Maggio la realizzazione delle loro opere artistiche. «Non mi sembra che chi guida la Fondazione abbia finora brillato troppo», ha concluso il consigliere leghista.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »