energee3
logo stamptoscana
Edizioni Thedotcompany

La scure del commissario sul Maggio Cronaca

Maggio, spirano di nuovo venti di guerra. Sì, perché la cura "assolutamente necessaria" come spiega il commissario Franceswco Bianchi, è di quelle che i sindacati e i lavoratori ritengono "inaccettabile". Vale a dire,  75 gli esuberi,  più 44 posti di lavoro in meno a tempo determinato (quelli che il tribunale del lavoro di Firenze ha intimato alla Fondazione di assumere a tempo indeterminato). In tutto, 119 posti di avoro in meno. Inoltre, cancellazione del corpo di ballo e finanche del laboratorio di scenografia. A rimanere pressochè intatti, in questa debacle, gli organici di orchestra e coro del Maggio Musicale Fiorentino.

Se questa, in sintesi, è la proposta del commissario Bianchi come è stata rtesa nota da fonti sindacali, la risposta del sindacato è alrettanto forte e certa: "Piano impraticabile, e inaccettabile". Si va verso un muro contro muro, mentre i lavoratori annunciano un'assemblea per domani. 

Ma la cura lacrime e sangue è così assolutamente necessaria? "Assolutamente" dice il commissario Bainchi, considerata la gravità della situazione e i soldi che non ci sono.Orchestra e coro, praticamente immutate: la prima passerà da 115 a 96 elementi ed il secondo da 98 a 72, ma solo per effetto dei normali pensionamenti.
Corpo di ballo Maggiodanza, fuori; fuori anche il laboratorio di scenografia e i servizi di biglietteria e portineria. 'Così è la vera liquidazione del Maggio musicale – afferma Paolo Aglietti della Cgil – si tratta di un piano inaccettabile e impraticabile anche perche' snaturerebbe la struttura stessa della realta' del Maggio e metterebbe la fondazione in ulteriore difficoltà''.

''Spero che una volta rimesso il teatro in sicurezza la danza torni in questa casa'' aggiunge  il commissario straordinario Francesco Bianchi. ''La situazione e' talmente grave che non c'e' alternativa a questo'', spiega Bianchi che apre ai sindacati per soluzioni alternative, purchè i ''saldi netti restino invariati''. ''Se mantenendo i saldi netti invariati si possa cambiare la combinazione – spiega – me lo dicano i sindacati se hanno qualche idea, io ho individuato questa''. Con un'avvertenza del commissario: ''I tempi sono brevissimi''. Prossimo incontro commissario-sindacati il 22 maggio.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »