energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Maria Montessori rinasce alla scuola pubblica di San Polo in Chianti Cronaca, Società

San Polo in Chianti – L’intera comunità si mobilita, e il pensiero montessoriano potrebbe tornare a dire la sua nella prima scuola pubblica che in Italia sarebbe centrata sui principi educativi della famosa scienziata e pedagogista. Ovvero, il bambino al centro dell’educazione, protagonista del proprio processo di apprendimento, guidato dall’istinto, dalle capacità di selezione, dalla creatività, libero di scegliere materiali, oggetti e strumenti didattici. Obiettivo, uno studente che cresce in un ambiente preparato scientificamente e che consente lo sviluppo delle sue abilità cognitive e sociali, bambini felici e concentrati, in grado di autodisciplinarsi e aprirsi alla vita attraverso il contatto con la realtà e la natura.

La proposta è partita da un comitato costituito da famiglie e cittadini del paese del giaggiolo, affiancato dal Comune e sostenuto da commercianti, circoli e associazioni della frazione che in occasione di una delle più recenti iniziative, una cena cui hanno aderito oltre 150 persone, hanno raccolto fondi per l’acquisto di materiale didattico montessoriano per arriva ad aprire, in fase sperimentale, quella che potrebbe tradursi nella prima scuola pubblica montessoriana della Toscana.

A fungere da portavoce è la presidente del Comitato, Daniela Biazzo: La nostra scuola è un ambiente ideale dove praticare il pensiero montessoriano – spiega – la scuola dell’infanzia e la scuola primaria sono due edifici attigui, i bambini potrebbero lavorare insieme, in classi eterogenee, miste, comunicanti, gli studenti non ricevono premi né voti, ma lavorano seguendo i loro interessi e i loro ritmi in un ambiente attrezzato e stimolante, dotato di materiale e oggetti che hanno l’errore all’interno, in un contesto in cui il dialogo con la natura è fondamentale e l’apprendimento delle materie acquisisce un carattere tridimensionale”.

Il percorso avviato dalla comunità e la volontà di promuovere il metodo Montessori nelle scuole di San Polo sono al centro dell’attenzione della dirigenza scolastica che si è mossa per organizzare un corso formativo rivolto ad una trentina di insegnanti finalizzato all’apprendimento dell’utilizzo del materiale montessoriano nelle scuole pubbliche. “Il bambino che crea dal nulla la propria realtà, quella che Maria Montessori definisce età dell’oro e della civilizzazione dello studente che pensa al suo futuro – aggiunge l’assessore alla Pubblica Istruzione Maria Grazia Esposito – è un modello educativo che crediamo possa costituire un’alternativa, un valore aggiunto e un’importante soluzione sperimentale al mantenimento dell’apertura delle scuole di San Polo dove al momento sono iscritti dodici bambini alla primaria e oltre trenta all’Infanzia; diverse sono le famiglie di San Polo che si dicono pronte alla sperimentazione, già dal 2017. Il comitato è impegnato ad organizzare incontri formativi e informativi sulla didattica Montessori”.

 

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »