energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Martedì 13 ottobre mdi Ensemble in concerto al Museo del Novecento Notizie dalla toscana

Firenze – Giovani musicisti che si muovono nel complesso mondo della musica contemporanea caratterizzato da un nuovo modo di interpretare note e vibrazioni: domani, martedì 13 ottobre, alle 18, l’Estate Fiorentina coinvolge il Museo Novecento con un nuovo appuntamento della rassegna Contrasti, animando il chiostro dell’ex complesso delle Leopoldine con l’esibizione dei milanesi mdi ensemble.

 

mdi Ensemble

mdi ensemble, formatosi a Milano nel 2002 su iniziativa di sei giovani musicisti uniti dalla passione per la musica contemporanea, è regolare ospite delle più importanti istituzioni musicali italiane, tra cui Milano Musica, dove è artist-in-residence fino al 2017, Festival MiTo – Settembre Musica, Biennale di Venezia, Mittelfest, Bologna Festival, Festival Traiettorie di Parma, Ravenna Festival, Amici della Musica di Palermo. Ha inoltre al suo attivo concerti in Svizzera, Austria, Spagna, Germania, Giappone e Stati Uniti. La discografia del gruppo include cd monografici su musiche di Gervasoni, Bussotti, Verrando, Momi e Mochizuki. Per questa rassegna dedicata alle sonorità del’900, mdi ensemble si avvale dell’apporto creativo di Davide Santi, direttore artistico della rassegna, poliedrico violinista milanese, già curatore delle parti musicali per la mostra di Paul Klee a Milano, e da quattro anni direttore artistico della rassegna milanese Palazzo Marino in Musica.

 

Martedì 13 ottobre 2015, ore 18.00


Non è Parigi…

Sospiri, suoni e tempi dilatati…da Debussy a Grisey

 

Claude Debussy, Syrinx per flauto solo

Fausto Romitelli, Domeniche alla periferia dell’impero per flauto clarinetto violino e violoncello
Gerard Grisey, Vortex Temporum per pianoforte e cinque strumenti

 

Non è Parigi…ma sono i sospiri del dio Pan e della ninfa di Debussy, sono gli spazi ai confini dell’impero di Romitelli, sono strumenti immaginati e trasformati in un tempo dilatato o ideale. Non è Parigi dove son stati scritti i brani, non è la realtà ma la matrice, l’archetipo o la formula chimica del materia che si trasforma in spettro sonoro e si distribuisce nel tempo in maniera da riempire gli spazi come un lungo respiro o l’attrito che si crea nei movimenti della natura nel Vortex temporum di Grisey.

 

Il programma è a cura di mdi ensemble e Davide Santi.

I concerti sono inseriti nel programma dell’Estate Fiorentina 2015.

L’ingresso è gratuito fino ad esaurimento posti e non prevede l’accesso al percorso museale.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »