energee3
logo stamptoscana
Edizioni Thedotcompany

McDonald’s in piazza Duomo, tutti per il no, sindaco in testa Cronaca

Firenze – I dubbi li leva una volta per tutte lo stesso sindaco Dario Nardella: oggi, in consiglio comunale, prima che si scateni un dibattito che tutto sommato dibattito non è o meglio non è più (tutti contro McDonald’s in piazza Duomo)  il primo cittadino dice chiaramente che l’amministrazione è contro la presenza di Mc Donald, anche con lo spazio libreria, i panini magari di Chianina serviti a tavolino, gli spazi dedicati alla cultura.

“L’amministrazione comunale é contraria all’apertura di McDonald’s in piazza del Duomo e in qualunque altra piazza storica o di pregio del centro storico di Firenze, patrimonio dell’Unesco. McDonald’s ha il diritto di fare domanda per aprire un nuovo negozio, ma noi abbiamo il diritto di poter dire di no”. Queste le parole del sindaco, musica per le orecchie del consiglio tutto, con qualche eccezione a destra e centro, ma del tutto minoritaria.

“Il merito del Comune a proposito del Regolamento Unesco per la tutela del centro storico sta nell’aver costretto l’azienda McDonald’s, come altre aziende, a chiedere l’autorizzazione per aprire una nuova attività commerciale nel centro storico – ha spiegato il sindaco – se non ci fosse stato il Regolamento sarebbe bastata una Scia, ovvero una semplice informativa senza nessuna procedura di autorizzazione”. 

“Da parte nostra non c’è nessun odio ideologico o antipatia di fondo per McDonald’s, che ha già aperto dei negozi in vari luoghi della città, non c’è nessun pregiudizio di fondo verso l’azienda – ha concluso Nardella – ma ribadisco il nostro no all’apertura in piazza del Duomo. Questa stessa posizione l’avremmo avuta e l’avremo per qualunque altra tipologia di fast food o attività commerciale analoga”.  Insomma, la stragrande maggioranza dell’aula, come riassume Francesco Torselli di FdI, è contro e farà di tutto per non fare aprire la multinazionale americana all’ombra della cupola del Brunelleschi.

Se tutti non vogliono McDonald’s in piazza Duomo, sono diverse le motivazioni. O meglio, mentre qualcuno si dichiara “sollevato” dalla precisazione di Nardella, per altri il problema “non era neppure dato”, come spiegano vari consiglieri di maggioranza. Insomma è stato tutto un qui pro quo, alla luce del regolamento urbanistico stesso, non s’era capito che la giunta, in realtà, non lo voleva affatto, McDonald’s in piazza Duomo. Insomma, di fatto l’assessore Bettarini, che aveva spiegato che si trattava di una grossa vittoria dell’amministrazione comunale avere indotto la multinazionale americana a cambiare il proprio “stile”, voleva dire che l’amministrazione era contraria all’apertura. Alla fine dunque, tutto a posto: nessuno lo vuole, e il sindaco stesso ha chiesto la collaborazione di tutti per, alla luce del panorama delle leggi nazionali a settembre, cercare in ogni modo di opporsi all’apertura di McDonald’s. Del resto, dice qualcuno, la cultura del commercio è un grande elemento del patrimonio culturale della città, e non solo del centro storico.

Se poi, precisa il capogruppo di Frs Tommaso Grassi, l’assessore Bettarini rivendicava “solo” e semplicemente il successo di aver “piegato” la multinazionale americana a dei parametri più rispettosi della città, “non ci sembra un successo. Il successo sarà solo quando saremo sicuri che né con gli spazi culturali, né senza McDonald’s aprirà in piazza Duomo”.

Dunque, tutti d’accordo con il sindaco: no a McDonald’s, rispetto per un regolamento urbanistico “preso ad esempio in tutta Italia” e infine, per non cadere nella trappola dell’esclusione “ad marcam”, come si esprime l’assessore scherzando, mettere sempre più attenzione alla qualità e alla congruità degli esercizi commerciali che apriranno nel centro storico (e non solo) con il patrimonio cittadino.

E proprio sulla questione del no secco su McDonald’s, da parte di Forza Italia ci si chiede se in effetti ci sono gli strumenti legali per vincere la battaglia contro la multinazionale americana. Insomma, si chiedono i forzisti, si va alla battaglia con una lancia o con un cannone?

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »