energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Meeting Diritti Umani, Rossi sprona giovani (e agricoltori): “Il futuro è vostro” Società

Firenze – Si rivolge ai giovani, li incita: “Fatevi avanti, il futuro è vostro”. E’ così che il governatore Enrico Rossi conclude il suo saluto ai quasi diecimila studenti che da stamattina gremiscono il Palamandela per il diciottesimo meeting dei diritti umani. Un meeting, quello toscano, di dimensione europea, che ha unito insieme studenti anche dalla Normandia e dall’Istria.

Tre Regioni  si sono messe insieme e hanno ottenuto un finanziamento dalla Commissione europea che consentirà di organizzare il meeting anche per i prossimi anni – ha ricordato il presidente – c’è anche un’Europa buona, insomma, quella degli Erasmus e degli incontri. L’Europa che ci ha dato 70 anni di pace e che ha consentito ai giovani di conoscersi. Poi abbiamo bisogno anche dell’Europa del lavoro”.

Pace, giustizia, accoglienza. E’ su questi grandi temi che si è soffermato il presidente, ricordando anche la frase evangelica “Ama il prossimo tuo”.Questa frase – ha sottolineato Rossi – non si riferisce a un prossimo astratto, ma al vicino che abbiamo. Il primo obbligo che abbiamo, allora, è stare in pace con chi arriva da lontano, in pace”.

Pace, giustizia, accoglienza e … agricoltura. Un settore sempre più importante nella vita economica futura della Toscana. Agricoltura dunque che si coniuga con futuro e quindi con “giovani”. “C’è una buona notizia, in agricoltura contiamo 10 mila posti di lavoro in più. E il governo regionale, insieme all’Unione europea, intende aiutare i giovani che vogliono tornare all’agricoltura. Questo è il nostro futuro, questo significa garantirci anche sicurezza, perché l’agricoltura non produce solo cibo, ci aiuta anche contro le alluvioni”. E, visto il contesto, il presidente non ha potuto non ricordare la decisione del governo toscano di impedire nuovo consumo di territorio. “I campi devono rimanere campi, non si deve più costruire dove non si è ancora costruito. Questa è la legge più importante che abbiamo fatto”.

 

Print Friendly, PDF & Email
Condividi
Translate »