energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Mercato case, cala capacità di spesa, Firenze fuori dalla media Economia

Firenze – A gennaio 2015, la disponibilità di spesa per quanto riguarda l’acquisto di case è in calo. A renderlo noto, l’Ufficio Studi del Gruppo Tecnocasa, dalla cui analisi è emerso che nelle grandi città la maggiore concentrazione della richiesta è compresa nella fascia di spesa più bassa, fino a 119 mila € (24,5%). A seguire il 23,1% che si concentra nella fascia di spesa compresa tra 120 e 169 mila €. A fronte dei dati del 2013, si registra un netto aumento della percentuale sulla classe di spesa più bassa; quella fino a 119 mila € registra un aumento del 5%. Sull’altro lato, emerge una diminuzione della percentuale di richiesta su tutte le altre fasce di spesa.

Firenze è una delle grandi città che si discosta dalla media nazionale: insieme a Milano, si rileva infatti una maggiore concentrazione nella fascia compresa tra 170 e 249 mila €; ancora più alta rimane la soglia di spesa per Roma, dove la concentrazione delle richieste riguarda immobili dal valore compreso tra 250 e 349 mila € (26,9%). Anche Bologna “devia” dalla media nazionale con una concentrazione di richieste che s’appunta su immobili della fascia tra 120 e 169 mila €.

Per quanto riguarda gli altri capoluoghi di regione che non sono grandi città, si registra un aumento molto forte della percentuale di coloro che desiderano spendere fino a 119 mila €: un anno fa incidevano per il 38,5%, adesso per il 44,6%. In diminuzione la percentuale di richieste in tutte le altre fasce di spesa, in particolare quelle comprese tra 120 e 169 mila € e tra 170 e 249 mila €.

grafico tecnocasaCiò che emerge dall’analisi di Tecnocasa, è dunque un aumento, anche nelle realtà più piccole, delle richieste nelle fasce di spesa più basse, con percentuali più elevate rispetto a quanto registrato nelle grandi città. Diminuita capacità di spesa e prezzi più bassi sono all’origine di questo fenomeno. La nota di Tecnocasa conclude: “L’analisi in questione ci fa propendere per una futura contrazione dei valori”.

 

Print Friendly, PDF & Email

Translate »