energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Mercato Fiorentina, ragione e oculatezza Opinion leader

Firenze – Le corse ai saldi di fine stagione sono meno frenetiche. La Fiorentina , rispetto ad altri, ha agito secondo ragione e oculatezza. Niente follie e proseguire con il gioco del puzzle che Montella cura con acribia e quasi ossessione: trovare il pezzo che manca per riempire quel tassello. Doveva essere Montoya, ma il Barça, che sul mercato è inibito a comprare, non poteva privarsi di una delle più importanti seconde linee. E allora Rosi, finalmente un altro italiano, con sette squadre diverse alle spalle in carriera, tutte le nazionali giovanili, ma nessuna vera consacrazione. Riserva a Genova e riserva a Firenze, toccando il cielo con un dito. Quello che si cercava.

Il fatto che la dirigenza abbia puntato molto su acquisti italiani non è casuale. Spesso con gli stranieri si sono create incomprensioni e tensioni. Meglio gente che viene a regalare le ultime fatiche di carriera a amici e tifosi simpatetici. Quindi bene per Diamanti, per Gila e anche per Rosi. Comunque, come prevedevo, il vero acquisto della Fiorentina a gennaio è stato Ilicic. Andato Cuadrado, non si poteva pensare di puntare tutto e subito su Salah: giovane (e si sa che Montella i giovani li centellina), con poca esperienza alle spalle sia in Svizzera (capirai!) sia in Inghilterra. E l’altro vero acquisto, secondo me, è Richards. Nella seconda parte del campionato, soprattutto quando un destino benigno ci renderà Pepito, rigiocheremo spesso con la difesa a quattro e un centrocampista dietro due punte. In quel caso servirà il terzino destro, e Richards dirà se in questi mesi di rodaggio ha imparato la lezione o seppure deve rassegnarsi a fare le valigie, tanto c’è il semprepronto e duttile Rosi. Ma sarà proprio nel 4-3-1-2 che Ilicic finalmente potrà giocare da Ilicic, e non come improbabile surrogato di Cuadrado e di Joaquin.

Complessivamente, dunque, un sette meno meno; considerando che il sacrificio di Cuadrado non è stato voluto (almeno c’è questo alibi) e che non c’è stato il tempo materiale per rimediare diversamente alla sua grave perdita. A dire il vero, quell’Ocampos del Monaco lo avrei preferito. Ma evidentemente le casse e le prospettive del Marsiglia, che se lo è preso, valgono più delle nostre. E questa non è una novità, in genere per le squadre italiane. C’è però da valutare se nel frattempo le altre concorrenti a un posto in Europa hanno fatto di meglio, e se possono così compromettere le nostre legittime aspirazioni. In realtà non credo che gli equilibri generali siano cambiati. Certo, Milan e Inter hanno fatto una vera e propria rivoluzione. il Milan, nella corsa all’aggiotaggio, si è procurata otto difensori centrali di ruolo (sic?), altrettanti centrocampisti e un attacco di nazionali e ex-nazionali. Ma a parte Cerci, non mi pare che ci siano giocatori che facciano davvero la differenza. Destro è bravo, ma non vale poi tanto di più di un Pazzini. Diverso il discorso da fare sull’Inter, che con Shaqiri, Brozovic, Santon e Podolski (che però mi piace meno degli altri) e soprattutto con Mancini, ha un’ossatura di squadra nuova; con quel che comporta pero’, e cioè che ci sarà da rimetterla insieme ex novo, con prove e controprove, e con l’impazienza di Mancini e della tifoseria. Da non sottovalutare invece la campagna acquisti della Sampdoria. A parte Eto’o e quello che può rappresentare “simbolicamente” per una squadra ambiziosa, ci sono giovani di buon futuro, quasi tutti già rodati nel campionato italiano, e c’è un allenatore affamato e esigente (lo conosciamo bene). La Samp può costituire un ostacolo al raggiungimento dell’Europa; al momento più di questa Lazio, più forte, ma che potrà dare continuità al suo campionato solo se recupererà , e non si sa quando,tutti i suoi titolari.

Ma stasera c’è un appuntamento davvero importante. La Roma è decimata e non può ancora impiegare i nuovi, la Viola invece dispiega in toto le sue forze. C’è solo l’handicap del fattore campo e la quasi assoluta certezza che, agli eventuali rigori, si perde 3-0! Per il resto sarà una cartina di tornasole. Questa è la migliore Viola che possiamo mettere in campo prima del ritorno di Pepito. Ora, se fallisce Gomez, c’è pronto un Gilardino che domenica mi fece un’ottima impressione. E qui si sta parlando di campioni, non di speranze. Di gente che speriamo tutti il futuro non ce l’abbia alle spalle. Così come lo speriamo per questa “anzianotta” Fiorentina.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »