energee3
logo stamptoscana
badzar
energee3
badzar

Mercurio in aria: Siena e Toronto fanno squadra per uno studio innovativo STAMP - Università

Siena – Lo sviluppo di un nuovo sistema di monitoraggio del mercurio in aria è l’obiettivo di un progetto di ricerca congiunto tra l’università di Siena e l’Università di Toronto sul ciclo biogeochimico di questo metallo.
Sono previste anche alcune fasi applicative e di misura svolte anche presso aree della provincia di Siena, caratterizzate dalla presenza di questo elemento. L’obiettivo è quello di tracciare i movimenti del mercurio nell’ambiente e far luce sugli aspetti ancora poco noti del destino di questo contaminante.
Chiarisce il professor Fabrizio Monaci, coordinatore del progetto per l’Università di Siena : “Con lo sviluppo di questo nuovo sistema di monitoraggio, concepito secondo criteri di semplicità e basso costo, per poter essere utilizzato in qualsiasi condizione ambientale, anche la più remota o avversa, si vuole rispondere alla crescente esigenza di tenere sotto controllo il mercurio atmosferico e verificare le recenti misure di riduzione attivate in molti paesi. L’inquinamento da mercurio è infatti un problema ambientale di grande attualità, soprattutto per i rischi che questo metallo tossico pone a livello globale poiché, una volta emesso in aria (ad esempio dalle centrali termoelettriche a carbone), è assai persistente e mobile e può raggiungere regioni anche molto distanti da quella in cui si è originato l’inquinamento”.
La fase di sperimentazione dell’innovativo sistema di monitoraggio del mercurio che è condotta in questi giorni dai due gruppi di ricerca delle Università di Toronto e di Siena – dove è giunto da Toronto il professor Carl Mitchell – fa parte di un progetto recentemente finanziato dal Governo del Canada (Natural Sciences and Engeneering Research Council of Canada), nell’ambito dell’azione prioritaria per la protezione delle aree remote dell’Artico.

Print Friendly, PDF & Email

Translate »